«In tempi di Covid-19, non indietreggiare alla lotta alla resistenza antimicrobica (Amr) e resta unito per preservare gli antimicrobici». È il motto della Giornata europea di sensibilizzazione agli antibiotici (Eaad) che nell’edizione 2020 si svolge in maniera del tutto telematica. L’evento, che tradizionalmente si svolge nella sede di Stoccolma del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc), vedrà una serie di iniziative online per ricordare questo importante tema. Come per le precedenti edizioni è stato pubblicato il rapporto annuale sull’analisi del fenomeno dell’antibiotico-resistenza, basato sui dati inviati alla rete europea di sorveglianza della resistenza antimicrobica da trenta paesi dell’Unione europea (UE) o dello Spazio economico europeo (SEE).

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

I dati provenienti da 29 paesi europei e le specie sotto sorveglianza

Sulla base di quanto rilevato, «ventinove paesi hanno riportato dati per tutte le otto specie batteriche sotto sorveglianza da EARS-Net (Escherichia coli, Klebsiella pneumoniae, Pseudomonas aeruginosa, specie Acinetobacter, Streptococcus pneumoniae, Staphylococcus aureus, Enterococcus faecalis ed Enterococcus faecium), mentre un paese ha riportato dati per tutte specie batteriche tranne S. pneumoniae». Quanto alla diffusione della resistenza, l’Ecdc specifica che «i dati EARS-Net per il 2019 hanno mostrato ampie variazioni nell’incidenza della resistenza antimicrobica (AMR) nell’UE / SEE a seconda della specie batterica, del gruppo antimicrobico e della regione geografica».

L’E. coli la specie più comune

La specie batterica più comunemente segnalata è stata E. coli (44,2%), seguita da S. aureus (20,6%), K. pneumoniae (11,3%), E. faecalis (6,8%), P. aeruginosa (5,6%), S. pneumoniae (5,3%), E. faecium (4,5%) e specie Acinetobacter (1,7%). Nel 2019, più della metà degli isolati di E. coli segnalati a EARS-Net e più di un terzo degli isolati di K. pneumoniae erano resistenti ad almeno un gruppo antimicrobico sotto sorveglianza e la resistenza combinata a diversi gruppi antimicrobici era frequente. Le percentuali di resistenza erano generalmente più elevate in K. pneumoniae rispetto a E. coli. Mentre la resistenza ai carbapenemi è rimasta rara in E. coli, diversi paesi hanno riportato percentuali di resistenza ai carbapenemi superiori al 10% in K. pneumoniae. La resistenza ai carbapenemi era comune anche nelle specie P. aeruginosa e Acinetobacter e in percentuali più elevate rispetto a K. pneumoniae.

L’Mrsa-resistenza un’importante problema nell’Ue

Per la maggior parte delle combinazioni di specie batteriche gram-negative-gruppo antimicrobico, le variazioni nelle percentuali di resistenza tra il 2015 e il 2019 sono state moderate e la resistenza è rimasta agli alti livelli precedentemente riportati. Per S. aureus, il calo della percentuale di isolati resistenti alla meticillina (cioè Mrsa) segnalato negli anni precedenti è continuato nel 2019. Tuttavia, l’Mrsa rimane un importante patogeno nell’UE / SEE, con livelli ancora elevati in diversi paesi e combinati la resistenza a un altro gruppo antimicrobico era comune. Nello stesso periodo sono state anche osservate diminuzioni della resistenza alla penicillina non selvatica e ai macrolidi in S. pneumoniae.

Lo sviluppo della resistenza alla vancomicina

Uno sviluppo di particolare preoccupazione è stato l’aumento della percentuale di isolati di E. faecium resistenti alla vancomicina nell’UE / SEE, dal 10,5% nel 2015 al 18,3% nel 2019 (percentuale media ponderata per la popolazione UE / SEE). Per diverse combinazioni di specie batteriche-gruppo antimicrobico, un gradiente da nord a sud e da ovest a est era evidente nell’UE / SEE. In generale, percentuali inferiori di resistenza sono state segnalate dai paesi del nord Europa e percentuali più elevate sono state segnalate dai paesi del sud e dell’est dell’Europa. Tuttavia, per E. faecium resistente alla vancomicina, non era evidente alcun modello geografico distinto.

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.