fatturato farmacieNew Line Ricerche di Mercato ha condotto un’indagine sull’andamento del mercato delle farmacie nel primo semestre del 2015. L’analisi, che è stata effettuata su un campione di oltre 5 mila farmacie, è stata certificata da un gruppo di ricercatori dell’università di Bologna.
Secondo quanto riportato dall’azienda, il settore appare in crescita rispetto allo stesso periodo del 2014, con un +2% sia per i valori che per i volumi. «L’ambito etico – si legge nel report – registra una crescita sia per fatturato che per pezzi, rispettivamente dell’1,1% e dell’1,6%. Performance migliori sono state centrate in ambito commerciale, qui inteso come tutto ciò che viene venduto in farmacia senza obbligo di ricetta (quindi SOP, OTC e parafarmaco): l’incremento è stato pari al 3,5% in termini di fatturato e al 2,7% in riferimento ai pezzi». Entrambi i segmenti hanno in ogni caso contribuito al raggiungimento del +2% complessivo.
La domanda di farmaco è dunque cresciuta nei primi sei mesi dell’anno, trainata in particolare dalla larga diffusione della patologia influenzale che è stata registrate nel corso dell’inverno. Si tratta di una dinamica che, secondo New Line Ricerche, è confermata dal confronto tra il primo ed il secondo trimestre dell’anno. Nello specifico, l’indagine sottolinea come all’interno del mondo del farmaco etico si registrino dinamiche differenti: «I farmaci mutuabili rimangono essenzialmente stabili sia in termini di fatturato (-0,7%) che di pezzi (+0,5%), mentre per il farmaco non mutuabile il fatturato segna un +2,1%, ancora sotto l’effetto positivo dell’aggiornamento al rialzo dei prezzi avvenuta in gennaio». In territorio negativo, invece, i volumi di vendita, che registrano un calo pari all‘1,4%. «Segni invece sempre positivi per il farmaco generico, in crescita del 9,3% come fatturato e del 6,6% in riferimento ai pezzi, con una quota rispetto al totale farmaco etico che si assesta sempre intorno al 14%».
L’analisi del segmento commerciale, inoltre, indica performance positive di SOP e OTC, il cui fatturato è aumentato del 5,3%. «Anche in questo ambito – avverte però il rapporto – come nel caso dei farmaci su ricetta, è stata soprattutto la diffusione della patologia influenzale nel primo trimestre dell’anno ad influenzare i risultati. Nel periodo aprile-giugno si osserva infatti un rallentamento nelle vendite di questi prodotti». Anche il parafarmaco ha ottenuto un buon andamento, crescendo del 3% in termini di valori e del 2,9% in termini di volumi: «Al suo interno si registrano solo trend positivi o stabili rispetto allo stesso periodo del 2014». In particolare risaltano i risultati degli alimenti dietetici, con una crescita del fatturato pari al 5,5%, della dermocosmetica (+2,5%), della fitoterapia (+9,8%), e della veterinaria (+7,2%). Stabili invece i fatturati per i sanitari (+0,3%), per l’igiene (+0,6%) e per l’omeopatia (+0,5%).

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.