viterboNella giornata di venerdì 21 settembre, a margine della festa dell’Unità indetta da circoli di Vetralla e Blera, in provincia di Viterbo, il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ha visitato una parafarmacia presente nella zona. A riferirlo è la Federazione Nazionale Parafarmacie Italiane, che spiega come l’esercizio di vicinato sia di proprietà del vice-presidente Stefano Migliori (che è anche presidente di Vifarm, primo gruppo d’acquisto italiano di parafarmacie di vicinato).

«Il presidente Zingaretti – specifica l’associazione – su invito di Migliori ha visitato l’attività informandosi anche sul tema che preoccupa di più i titolari di parafarmacia laziali, ovvero il posizionamento e l’andamento delle parafarmacie nel contesto della regione, dei servizi e in generale delle norme di competenza regionale. Migliori ha colto l’occasione per sottolineare quanto, in merito alle parafarmacie, siano in crescita rispetto al passato i servizi, l’utilità sociale e sanitaria, e il ruolo di presidio e di risorsa per il cittadino».

Ma ha anche ricordato come «da anni la FNPI cerchi di far accedere le parafarmacie ai servizi regionali come ad esempio il Cup». Il dirigente della federazione ha sottolineato in particolare a Zingaretti il fatto che «in molte altre regioni il servizio Cup esteso alle parafarmacie aiuta i cittadini ad accedere più facilmente alle cure del Sistema sanitario regionale. È anche notizia recente che la regione Lazio inserirà nel sistema di prenotazione anche le strutture sanitarie convenzionate». Per questo Migliori ha ribadito che «le parafarmacie potrebbero rispondere in termini sia numerici che di servizio ai crescenti bisogni di accesso alle liste d’attesa regionali».

Secondo l’associazione, il presidente della Regione Lazio «si è dimostrato interessato a questa possibilità e ha manifestato grande disponibilità al dialogo nell’interesse della regione e dei cittadini che vi abitano». Una discussione sul tema dovrebbe essere avviata con l’assessore alla Sanità Alessio D’Amato.

© Riproduzione riservata