Si è svolto a Roma, mercoledì 14 settembre, l’evento “We are the children: Farmacisti a difesa della salute dei bambini”, in cui seicento farmacisti della Capitale e provincia sono stati presenti a Villa Dafne Majestic a Roma per supportare la Smile House Fondazione Onlus e un progetto per curare la labiopalatoschisi. Tra le finalità della serata «dare un supporto concreto ai minori in povertà sanitaria e sensibilizzare la popolazione sui diritti alla salute dell’infanzia, con l’obiettivo di far conoscere e sostenere campagne e progetti volti ad aiutare i più piccoli». L’evento, voluto dal farmacista Vittorio Contarina, ex dirigente di Federfarma, ha visto la partecipazione di diverse personalità tra cui Nicola Zingaretti, presidente della regione Lazio, l’On. Roberto Morassut del Partito Democratico, il Sen. Andrea Augello e l’On. Marco Silvestroni di Fratelli d’Italia, il Sen. Maurizio Gasparri di Forza Italia, il Sindaco di Frosinone, Riccardo Mastrangeli e l’ex Vicepresidente del Parlamento europeo Roberta Angelilli.

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

La labiopalatoschisi, malattia invalidante

Gli stessi organizzatori hanno sottolineato come «ogni anno solo in Italia nascono circa settecento neonati con malformazioni genetiche del volto. La labiopalatoschisi è una malattia estremamente invalidante. La Smile House Fondazione Onlus vuole assicurare, a chi è colpito da questa patologia, un’assistenza attiva con presidi in Italia e all’estero. “Il percorso che abbiamo voluto tracciare per i nostri piccoli pazienti – spiega ancora il Vicepresidente Scopelliti – va oltre l’azione di riparazione chirurgica, che avviene entro il primo anno di vita, perché rappresenta un impegno più ampio. Ecco perché il modello che noi proponiamo non è una soluzione esclusivamente chirurgica, che risolve il deficit in maniera definitiva, ma ha il fine di un inserimento sociale, pieno e dignitoso, dei pazienti. Infatti, il progetto Smile House, si compone di centri di eccellenza ambulatoriali e chirurgici all’interno degli ospedali italiani, per un’assistenza attiva tutto l’anno. Un tale progetto non poteva non partire con un accordo principale con il Ministero della Salute da cui deriveranno tutti gli accordi con le Regioni e le Aziende Sanitarie. Questo modello organizzativo, che è adattativo, conta attualmente 6 sedi italiane, ma intendiamo implementarlo in modo da assicurare una copertura totale sul territorio nazionale e replicarlo anche all’estero».

Contarina: «Felice per la risposta che hanno dato i colleghi»

Vittorio Contarina ha mostrato soddisfazione per la riuscita dell’evento: «Sono molto contento di aver avuto l’opportunità di tornare ad organizzare, dopo uno stop durato anni a causa della pandemia, un evento a scopo benefico come ‘We are the children: Farmacisti a difesa della salute dei bambini’. E sono molto felice anche per la risposta che hanno dato i colleghi, sempre presenti quando si tratta di fare beneficenza». Contarina ricorda l’hashtag ‘dispensiamo salute’ «perché è quello che noi farmacisti facciamo ogni giorno. Vorrei infatti ricordare che durante i mesi difficili della pandemia le farmacie erano l’unico presidio sanitario operativo sul territorio. Noi ci siamo sempre stati e siamo ancora una volta presenti, attraverso il sostegno alla Smile House Fondazione Onlus, in una serata volta alla sensibilizzazione sul diritto alla salute dei minori. Sarà poi nostra cura parlare con i nostri pazienti per metterli a conoscenza dei progetti volti ad aiutare i più piccoli in difficoltà».

© Riproduzione riservata



Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.