«Quando i consumatori si sentono pronti per comprare uno specifico prodotto, nel 74% dei casi si rivolgono in prima battuta ad Amazon». Ad affermarlo è uno studio effettuato da Feedvisor, citato dall’emittente statunitense CNBC, che ha analizzato i comportamenti di 2.000 cittadini americani nel corso degli ultimi due anni.

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

Si tratta di numeri che non stupiscono, se si tiene conto del fatto che il colosso dell’e-commerce prevede, entro la fine dell’anno, di raggiungere una quota di mercato, negli Stati Uniti, pari al 52,4% delle vendite effettuate online. Un dato in aumento rispetto al 48% registrato nel corso del 2018 (secondo i dati forniti da eMarketer). Per la CNBC, «la chiave del successo di Amazon è legata al programma di membership chiamato “Prime”, il cui numero totale di aderenti ha superato lo scorso anno i 100 milioni di persone». Come noto, a loro viene chiesto di pagare una commissione mensile o annuale, in cambio di condizioni particolarmente vantaggiose soprattutto per quanto riguarda le condizioni e i costi di consegna dei prodotti. Inoltre, sempre grazie alla membership, è possibile accedere anche a servizi come Prime Video e Prime Music.

Il successo della strategia è certificato poi dal fatto, prosegue l’emittente americana, che il 58% di coloro che hanno aderito a Amazon Prime compra qualcosa online almeno una volta alla settimana. Ma c’è di più: la CNBC riferisce che «numerosi consumatori, oggi, utilizzano la pagina di Amazon come Home page del loro browser. By-passando quindi i motori di ricerca, come Google e Yahoo. Inoltre, il 66% dei consumatori, quando deve cercare un nuovo prodotto, si reca in primo luogo proprio sulla piattaforma di proprietà del miliardario Jeff Bezos. E il 95% di tali persone si dichiara «soddisfatto» al termine della transazione.

Tutto ciò fa sì che «la fedeltà dei consumatori ad Amazon abbia raggiunto i livelli più alti di tutti tempi». L’89% del campione di cittadini che è stato analizzato visita infatti il portale almeno una volta al mese. Come riportato ai propri lettori da FarmaciaVirtuale.it, il colosso americano si è anche lanciato nel mercato del farmaco, lanciando una linea esclusiva di medicinali over-the-counter e prodotti per la salute. All’inizio di gennaio del 2019, inoltre, è trapelata sulla stampa americana la notizia secondo la quale Amazon starebbe anche puntando al mercato dei test diagnostici, ed in particolare di prodotti che i pazienti potrebbero utilizzare direttamente a casa propria.

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.