skynet di sedivaDal 1 gennaio 2017 è entrato in vigore il decreto legge che disciplina la fatturazione elettronica fra imprese (B2B). La Sediva ha fatto sapere di essere il primo studio sul territorio nazionale ad aver avviato concretamente il meccanismo della fatturazione elettronica fra privati offrendo gratuitamente alle farmacie anche non assistite tutti i benefici previsti dalla legge. La ricezione del primo flusso di fatture Xml B2B è stato infatti completato.
Come riportato nei mesi scorsi da FarmaciaVirtuale.it, lo studio associato Bacigalupo-Lucidi aveva già sottolineato come si tratti di un percorso «che abbiamo iniziato da oltre un anno, realizzando infine, con un importante dispendio di risorse umane ed economiche, il portale interattivo Skynet, ormai operativo dal 13 giugno del 2016. La nostra previsione in ordine ad una rapida evoluzione della dematerializzazione dei documenti contabili si è rivelata dunque felice, ma naturalmente deve coinvolgere in primo luogo i fornitori della farmacia e dunque sia i distributori all’ingrosso, come anche le aziende produttrici, e il nostro impegno è infatti ora quello di sensibilizzare questi interlocutori al tema in argomento». La tendenza da parte delle istituzioni sembra dunque quella di spingere sempre più verso soluzioni elettroniche: non a caso lo Stato ha previsto rilevanti agevolazioni fiscali, come, ad esempio e la riduzione di un anno del periodo prescrizionale per gli accertamenti, l’eliminazione dell’obbligo della spedizione dello spesometro.
Tra i distributori intermedi che hanno adottato sin dal primo momento la trasmissione delle fatture xml B2B per agevolare le farmacie clienti rientrano Comifar, Guacci e Coofarma. Ad essi si aggiungono Beiersdorf, Domolife, Teva e a breve decine di altre industrie produttrici. “Con ovvi vantaggi per i farmacisti – spiega l’Ing. Emiliano Minella, responsabile del progetto – soprattutto nella riduzione dei flussi documentali cartacei. Un’innovazione che consentirà, nel lungo periodo, uno snellimento delle procedure burocratiche ed amministrative, garantendo al farmacista un risparmio di tempo nell’operatività quotidiana”. “Il processo di digitalizzazione vede coinvolte circa duemila farmacie, che utilizzano quotidianamente il servizio – aggiunge Minella – farmacie che stanno utilizzando con soddisfazione la piattaforma sia per le Fepa che per le B2B.”
I promotori di Skynet hanno inoltre annunciato che nel corso del 2017 la piattaforma – che resta gratuita – integrerà «moltissime utilità», ed in particolare «un cambio di passo lo faremo insieme con l’introduzione di strumenti dedicati al marketing. Sarà un percorso affascinante che prevederà appuntamenti formativi nel corso dei quali supporteremo le farmacie in una delle attività diventate più critiche ed attuali in farmacia, con il precipuo scopo di cercare di aumentare le entrate».

© Riproduzione riservata