farmacie francesi diabeteUn servizio di accompagnamento dei pazienti affetti da diabete di tipo-2 per aiutarli a seguire una dieta adeguata. È quanto proporrà in Francia la rete di farmacie Pharmacorp: un servizio garantito dai farmacisti sul territorio e che costerà per chi vorrà avvalersene 49 euro al mese. A fronte di tale pagamento, i pazienti potranno contare su un consulto settimanale in materia di alimentazione nonché sul controllo regolare della glicemia. L’iniziativa è stata già oggetto di una fase pilota che è stata effettuata in una decina di farmacie aderenti alla rete, in collaborazione con Roche Diabetes Care France. Il giornale specializzato Le Quotidien du Pharmacien racconta che «nel corso degli ultimi 18 mesi, 34 pazienti hanno seguito questo programma in una delle dieci farmacie Pharmacorp che hanno partecipato alla fase sperimentale. I risultati del progetto, battezzato “Corp” sono incoraggianti: nel giro di tre mese, i pazienti hanno registrato un calo medio del peso corporeo pari a 3,5 chilogrammi, una riduzione del girovita di 4,5 centimetri, una diminuzione della glicemia di 0,21 mg/L e dell’emoglobina glicata di 0,8 punti».
A partire dal prossimo mese di maggio il servizio sarà esteso a tutte le 240 farmacie della rete. Il costo rimarrà invariato, ma sarà rimborsato da chi ha sottoscritto un’assicurazione sanitaria complementare Prévifrance: in Francia, infatti, il sistema è di fatto basato su un modello “pubblico-privato”, nel quale la Sécurité Sociale (l’equivalente del nostro Servizio sanitario nazionale) copre una quota delle spese sanitarie dei pazienti. Il resto è rimborsato dalle “mutuelles” ovvero da polizze sottoscritte da ciascun cittadino (o gruppi di cittadini) proprio al fine di garantire una copertura totale. Alle farmacie sarà garantita una formazione basata su un sistema di e-learning, organizzata dalla Roche. Inoltre, il lancio dell’iniziativa sarà accompagnato da una campagna informativa digitale, da annunci pubblicati sulla stampa e diffusi dalle radio che trasmettono nelle regioni coinvolte. In Italia, come riferito ai propri lettori da FarmaciaVirtuale.it, il ministero della Salute ha lanciato una campagna intitolata “Prevenire il diabete si può”, con il sostegno di numerose associazioni di medici e di malati, ma non di farmacisti. Eppure con la campagna DiaDay la categoria ha dimostrato particolare impegno ed efficacia sul tema, avendo permesso di individuare 4.000 casi di diabete non diagnosticato e 19.000 casi di pre-diabete.

© Riproduzione riservata

Pharmexpo