farmacisti in sveziaI farmacisti amano la loro professione e sono soddisfatti del lavoro che svolgono? Per comprendere quali siano le sensazioni della categoria, un gruppo di ricercatori del dipartimento di Farmacologia e Neuroscienze cliniche della Umea University, in Svezia, ha curato uno studio intitolato “Pharmacists’ satisfaction with their work: Analysis of an alumni survey”.
L’analisi è stata pubblicata dalla rivista Research in Social and Administrative Pharmacy: «Il livello di soddisfazione sul lavoro da parte dei farmacisti è particolarmente importante – hanno spiegato gli autori – dal momento che è stato dimostrato che esso è in grado di incidere sulle performance. Il mercato delle farmacie in Svezia ha dovuto subire una serie non indifferente di cambiamenti negli ultimi anni e si sa ancora poco su come essi siano stati accolti dai professionisti del settore». Per colmare la lacuna, è stato condotto un sondaggio tra coloro che hanno conseguito la laurea tra il 2006 e il 2014. In totale, il numero di farmacisti coinvolti è stato pari a 222 (coloro cioè che hanno risposto al questionario, pari al 43% del totale). La stragrande maggioranza di coloro che hanno deciso di partecipare è di sesso femminile (il 95%) e per la maggior parte si tratta di professionisti impiegato presso una farmacia territoriale (l’85%). L’età media è stata pari a 39,7 anni. I risultati sembra approvare a pieni voti la scelta di diventare farmacisti: ben il 91% ha dichiarato infatti di essere soddisfatto del proprio lavoro “per la maggior parte del tempo” se non addirittura “sempre”. E una percentuale sostanzialmente in linea, l’87%, afferma che “sicuramente” o “probabilmente” sceglierebbe lo stesso percorso formativo se potesse tornare indietro. «L’analisi multivariata dimostra però che all’aumento del numero di anni passati con lo stesso incarico, la soddisfazione dei farmacisti diminuisce. A ritenersi più contenti della professione con il passare del tempo, invece, sono coloro che ritengono di essere stati formati in modo adeguato durante il percorso universitario e coloro che hanno modo di seguire programmi di formazione professionale continua. «Si tratta di fattori – concludono gli autori – che incidono in modo importante sul grado di soddisfazione manifestato».

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.