«Grazie ai colleghi per il tempo che ci hanno dedicato». Sono le parole di Elena Vecchioni, referente del gruppo “Farmacia Futuro Verona”, sceso in campo come proposta alternativa alla dirigenza uscente di Federfarma Verona. Lo scorso novembre la sigla aveva presentato la propria iniziativa al pubblico, evidenziando i principali obiettivi. Tra questi «sindacato di maggior peso, in grado di collaborare con gli ordini professionali, altre associazioni ed istituzioni», «necessità di impegnarsi su sostenibilità economica delle farmacie rurali e sussidiate», ed infine «contrasto della concorrenza delle catene e del fuori canale».

[Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica]

In vista delle prossime elezioni del 1 e 2 marzo 2020, dunque, il ringraziamento dei farmacisti candidati: «Marcello Bacchielli, Paola Fiocco, Stephane Giarolo, Stefano Pacenti, Gianmarco Padovani, Claudia Sabini, Nadia Segala, Martina Trittoni, Daniela Vaccari, Matteo Vanzan ed Elena Vecchioni», i quali – secondo quanto evidenziato in un comunicato – «si sono suddivisi il lavoro sul territorio – ed è questo un secondo elemento di novità – per incontrare gli oltre 200 colleghi delle ex Aulss 20, 21 e 22 allo scopo di raccogliere istanze generali, esigenze specifiche e legittime preoccupazioni per una professione che negli ultimi anni è cambiata profondamente».

È utile evidenziare che lo scorso 20 febbraio Marco Bacchini, presidente uscente di Federfarma Verona, aveva presentato l’iniziativa “Federfarma Insieme”. Come riportato da FarmaciaVirtuale.it ai propri lettori, la sigla uscente aveva reso noto che la formazione sarà composta dai farmacisti Bacchini Marco, Braghetta Emilio, Buniotto Fabiana, Capri Arianna, Cossater Tommaso, Forgione Ermanno, Neri Gianbattista, Noro Luisa e Russo Mario, «in rappresentanza delle diverse peculiarità delle farmacie del territorio (rurali, urbane di quartiere e nuove aperture )» e «con esperienze professionali variegate e con formazioni diversificate».

© Riproduzione riservata