Come riportato ai propri lettori da FarmaciaVirtuale.it, si terrà da lunedì 11 novembre a sabato 16 novembre 2019 la nuova edizione del DiaDay, iniziativa promossa da Federfarma al fine di supportare i pazienti già affetti dalla patologia. Il tutto all’interno della rete di farmacie presente sul territorio italiano. «Al momento sono ben 3.000 le farmacie che si sono iscritte – spiega al nostro giornale Vittorio Contarina, presidente di Federfarma Lazio e vice-presidente di Federfarma nazionale -. Quest’anno il periodo per la registrazione sarà più breve, ma confido in ogni caso in una grande risposta da parte dei colleghi. Chi si registrerà in ritardo sarà avrà la possibilità di essere geolocalizzato sulla piattaforma, benché non potrà ricevere il materiale informativo».

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

Il dirigente spiega quindi la scelta di puntare per l’edizione 2019 soprattutto sul sostegno ai pazienti ai quali è stata già diagnosticata una forma di diabete: «Nei primi due anni abbiamo ottenuto risultati sostanzialmente identici in termini di percentuali di persone diabetiche, pre-diabetiche e sane. Per cui ci siamo chiesti, anche nell’ottica della Farmacia dei servizi, tra i cui compiti ci sarà quello di migliorare l’aderenza alle terapie da parte dei pazienti, come fare per aiutare lo Stato a risparmiare non attraverso nuove diagnosi, ma accompagnando i malati. Un anno di terapia per un paziente costa alle casse pubbliche la metà, se non un terzo, di un solo giorno di degenza ospedaliera».

Contarina precisa in ogni caso che «la cura, nel caso del diabete, non è solo la medicina: occorre anche rendere sana la propria alimentazione e adottare un corretto stile di vita. Il farmacista deve spiegare alle persone con chiarezza che assumere una pasticca non basta. Il diabete è una brutta bestia, una malattia subdola che tende in troppi casi ad essere sottovalutata. Sono convinto inoltre che, puntando sull’aderenza alle terapie, potremo scoprire molti casi di persone che non adottano i comportamenti giusti. E potremo anche estrapolare delle statistiche importanti». Inoltre, «a differenza delle precedenti edizioni, non essendoci più la distribuzione dei glucometri, quest’anno sarà più semplice aderire anche per le farmacie che non si iscrivono. Basterà accedere durante i giorni del DiaDay alla piattaforma sul portale federale e compilare i questionari».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.