Risorse a carico della Regione Molise e saranno trasferite ad Asrem che erogherà kit, presidi e dispositivi: funzionerà in questo modo l’accordo “Dalla parte dei cittadini”, tra Federfarma Molise, Regione e Asrem, per la realizzazione di collaborazione e servizi che consentiranno alle farmacie della Regione di erogare i servizi previsti ai cittadini, in una campagna di prevenzione e assistenza capillare sul territorio.

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

Lo screening per la ricerca di sangue occulto

Sulla base dell’accordo, le farmacie pubbliche e private della Regione Molise aderenti all’iniziativa potranno erogare una serie di servizi direttamente nei loro locali. Primo tra questi lo screening per la diagnosi precoce del cancro del colon-retto: al farmacista verrà riconosciuto l’importo di 3 euro iva inclusa per ogni screening concluso, per i primi 22mila screening. Superata questa soglia la cifra passerà a 3,50 euro. I kit verranno distribuiti alle farmacie sulla base delle indicazioni di Asrem.

La campagna vaccinale antinfluenzale 2020-2021

Per quanto riguarda la campagna vaccinale antinfluenzale 2020-2021, l’accordo “Dalla parte dei cittadini” in Molise prevede l’acquisizione, la fornitura e la distribuzione dei vaccini (codice ACT J07) da parte delle farmacie della Regione, che riceveranno 100 euro una tantum (più iva) e 0,50 euro più iva per ogni vaccino erogato. Per la gestione degli ordini, in questo caso è stato istituito il portale www.vaccinimolise.it, che garantirà la consegna dei vaccini a quelle farmacie indicate da ogni Mmg o Pls.

Fascicolo sanitario elettronico e altri servizi erogati

Gli enti, attraverso questo accordo, intendono sensibilizzare i cittadini sul rilascio dei consensi per l’apertura del Fse, con le farmacie che erogheranno le informazioni e le credenziali di accesso. Per ogni Fse attivato, la farmacia riceverà dalla regione 2 euro iva inclusa per i primi 100mila fascicoli. Oltre tale quota, l’importo scenderà a 1,50 euro iva inclusa, fino a 200mila fascicoli. Gli altri servizi erogabili dalle farmacie riguardano la distribuzione dei presidi per l’autocontrollo dei pazienti diabetici (con le modalità economiche già attive) e il trasferimento dei farmaci della distribuzione diretta in distribuzione per conto (DPC) tramite ricetta dematerializzata (anche per far fronte all’emergenza Covid) con remunerazione diversificata (5 euro).

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.