«Nell’ultimo anno il 65% degli acquirenti sono state donne con un’età media di 35 anni. Lo stesso vale per i sex toys acquistati per l’80% da donne di età media di 38 anni»: a mostrare i dati legati al benessere sessuale e al cambiamento delle abitudini di acquisto degli italiani è un report di Durex Italia basato su dati eFarma by Atida. Nell’analisi si legge che «per quanto riguarda la categoria preservativi, questa ha subito un boom di vendite, con un incremento del +105% nel 2020. Esaminando invece i dati del 2021, non sembra essersi verificata un’importante variazione di tendenza: le vendite rimangono stabili, seppur sempre in crescita rispetto ai livelli pre-pandemia del 2019, con un +7%».

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

I profili degli acquirenti online

Quanto all’età media degli acquirenti online, per gli uomini «era di 42 anni nel 2019, 39 anni nel 2020 e 38 anni nel 2021. Più giovani le donne con un’età media di 40 anni nel 2019, 37 anni nel 2020 e 35 anni nel 2021. Si assiste quindi ad una diminuzione costante dell’età media in entrambi i sessi. È interessante notare che nel 2020 il 60% degli acquirenti online di preservativi erano uomini (contro il 40% di donne), mentre nel 2021 si è assistita ad un’inversione di tendenza che ha visto il 65% degli acquirenti di preservativi essere donne».

Aumento vendite sex toys

Anche la nicchia dei sex toys, secondo quanto evidenziato nel report, «ha vissuto una crescita importante nel corso degli ultimi due anni, registrando un vero e proprio boom di vendite nel 2020 del + 82% rispetto al 2019, complice anche l’esteso periodo di lockdown. Un dato leggermente in calo nel 2021, anche se lieve (-1%). Per quanto riguarda il profilo degli acquirenti, se nel 2019 la maggior parte (86%) era costituita da donne e solo per il 14% da uomini, nell’anno dello scoppio della pandemia si è riscontrato un aumento degli acquisti di sex toys da parte di utenti uomini, raggiungendo il 24% dei compratori totali contro il 76% di donne. Nel 2021 il gap è nuovamente aumentato: l’80% delle acquirenti sono donne contro il 20% di uomini. L’età media di chi ha acquistato un sex toys è di 38 anni per le donne e 40 per gli uomini, in linea con il target 26-55 anni a cui generalmente si rivolgono farmacie e e-commerce farmaceutici specializzati, i cui utenti principali non sono generalmente né millennials né la generazione Z».

Dati in crescita dimostrano tramonto degli stereotipi

Francesco Zaccariello, Funder di eFarma by Atida, ha evidenziato che «c’è ancora questa sorta di giudizio tacito nei confronti delle donne e ragazze che acquistano i preservativi in farmacia. L’acquisto online in qualche modo lo sta normalizzando sempre più permettendo allo stesso tempo di evitare quel contatto umano che è spesso fonte di giudizio. Il dato in crescita inoltre dimostra come si stia scardinando anche lo stereotipo che vuole l’acquisto del preservativo essere responsabilità e interesse esclusivo dell’uomo a favore invece di un sesso vissuto in modo più libero ma sempre consapevole e sicuro dalla donna in prima persona». Secondo Zaccariello «il lockdown ha sicuramente limitato la nostra sfera sentimentale e sessuale, ma allo stesso tempo ha permesso a molti di esplorare e conoscere meglio la propria intimità. C’è sicuramente maggior curiosità ora verso tutto quello che riguarda il piacere e l’uso ad esempio di sex toys. Il recente boost di vendite ne è un chiaro esempio».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.