fdaNel 2016, la Food and Drug Administration aveva pubblicato una nota nella quale avvertiva sulla necessità di fornire informazioni in merito ad un farmaco over the counter (OTC) a base di loperamide (Imodium). Ciò in ragione del fatto, spiegava l’agenzia, che «il suo abuso o il suo uso non consono possono provocare seri problemi cardiaci» che possono anche portare al decesso del paziente. «I rischi – si leggeva nella nota – sono legati ad un anormale ritmo cardiaco e crescono qualora alte dosi di Imodium siano assunte in interazione con alcuni farmaci. La maggior parte dei casi è stata riscontrata in persone che hanno intenzionalmente abusato del medicinale».
Il 30 gennaio è stato quindi diffuso un secondo comunicato in materia, nel quale si fa sapere che la stessa FDA sta «lavorando con l’industria farmaceutica al fine di predisporre confezioni che presentino un numero limitato di pillole all’interno». Ciò poiché «i report relativi ai problemi cardiaci continuano a giungere alla nostra amministrazione, nonostante le avvertenze che abbiamo diramato in materia». Di qui le raccomandazioni ai pazienti di attenersi scrupolosamente alla posologia indicata nel foglietto illustrativo e di rivolgersi ai medici in caso di necessità. Ai professionisti della salute è stato inoltre chiesto di essere pronti a fornire tutte le informazioni in materia, al fine di minimizzare i rischi per chi assume il medicinale. È stato inoltre specificato che in molti casi chi viene colpito da tali effetti collaterali dopo aver assunto alte dosi di loperamide, lo ha fatto al fine di trattare i sintomi legati alla mancanza di assunzione di oppiacei. In tal caso è necessario interrompere immediatamente la somministrazione del farmaco e avviare anche al contempo la terapia necessaria. In alcuni casi i problemi legati al ritmo cardiaco possono non venire risolti con dei medicinali».

© Riproduzione riservata

Pharmexpo