vendita farmaci onlineNel prossimo mese di luglio saranno passati tre anni dall’entrata in vigore del regolamento che consente alle farmacie di vendere attraverso Internet medicinali Sop e Otc. Da allora, il numero di farmacie e parafarmacie che hanno deciso di lanciarsi è costantemente aumentato, anche se nell’ultimo anno sembra ci sia stata una frenata. Dall’ultimo rilevamento di FarmaciaVirtuale.it effettuato nel maggio del 2017, ad oggi, il totale degli eserciti che hanno ricevuto una regolare autorizzazione è infatti passato da 525 a 652, con un aumento dunque di 127 unità. In precedenza, nei soli primi cinque mesi dello scorso anno, si era registrato un aumento di quasi un centinaio. Gli ultimi dati, presenti nell’elenco dei Soggetti autorizzati al commercio online di medicinali presso il ministero della Salute, rilevati il 4 aprile 2018 dalla nostra Redazione, indicano che sono 551 le farmacie autorizzate e 101 le parafarmacie (contro rispettivamente 444 e 81 di quasi un anno fa). Come ormai di consueto, la regione che ospita il maggior numero di esercizi che si sono lanciati nella vendita online di farmaci è il Piemonte, con 103 in totale (88 farmacie e 15 parafarmacie). Al secondo posto figura la Lombardia, con 92 (85 + 7), mentre il terzo gradino del podio è occupato dalla Campania con 83 (72 + 11). Seguono a distanza non indifferente l’Emilia Romagna con 63 (51 + 12) e il Lazio con 57 (49 + 8). Fanalini di coda di questa speciale classifica sono invece la provincia autonoma di Trento, che è ancora a quota zero (ormai sola in Italia), e il Molise, che annovera ora la sua prima farmacia autorizzata. Dati molto bassi sono ancora registrati in Valle d’Aosta (2) e Alto Adige (3), mentre Basilicata, Calabria e Friuli Venezia Giulia non superano quota 10 (l’Abruzzo, l’Umbria e la Liguria lo fanno di poco con, rispettivamente, 11, 12 e ancora 12 in totale). In posizione intermedia ci sono una serie di regioni comprese tra quota 21 e quota 44: si tratta di Marche, Sardegna, Toscana, Puglia, Sicilia e Veneto.

© Riproduzione riservata