La federazione nazionale parafarmacie italiane (Fnpi) «al fine di tutelare i farmacisti di parafarmacia ha inviato una formale diffida per mezzo del proprio ufficio legale al presidente della Regione Puglia e al dipartimento promozione della Salute sempre della Regione Puglia». È quanto scrive la sigla in rappresentanza delle parafarmacie, presieduta da Davide Giuseppe Gullotta. In merito a tale missiva, Fnpi evidenzia che «la Regione ha richiesto per la vaccinazione, con la propria delibera, l’elenco dei soli farmacisti che lavorano in farmacia». Ciò «escludendo di fatto i farmacisti di parafarmacia dalla vaccinazione per il covid-19 o determinandone forti ritardi rispetto ai propri colleghi di farmacia».

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

Fenomeni diffusi in diverse regioni

Secondo Gullotta «questi fenomeni che purtroppo si sono verificati anche in altre regioni e province nascono spesso da un errato rapporto che si è creato tra il sindacato dei titolari di farmacia e le Asp provinciali e gli assessorati regionali alla salute». Alla luce di quanto evidenziato, Fnpi sottolinea che «le Asp e gli assessorati alla salute quando si tratta di tutela della salute e soprattutto quando si tratta di gestire vaccini comprati con i soldi pubblici devono rivolgersi agli ordini provincial, che oltre a possedere l’elenco di tutti i farmacisti, sono enti pubblici e non ad un’associazione di categoria che rappresenta solo una parte dei farmacisti e che è inoltre un’organizzazione non statale».

I precedenti della Regione Puglia

Sempre in Puglia, una nota dell’Ordine di Bari e Bat aveva segnalato l’esclusione, in fase preliminare, dei farmacisti nella campagna vaccinale Covid-19. Condizione cambiata nel giro di diverse settimane, sulla base di quanto segnalato dallo stesso ente: «Con l’imminente arrivo dei vaccini Comirnaty e Moderna – aveva specificato il presidente dell’Ordine di Bari e Bat -, annunciato dal commissario straordinario per l’emergenza pandemica, la Regione Puglia ha deciso di avviare la fase di organizzazione della somministrazione del vaccino anticovid ai farmacisti e ai loro collaboratori operanti su tutto il territorio pugliese, a tutela degli stessi operatori, della tenuta del sistema sanitario e dei cittadini».

© Riproduzione riservata



Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.