In diverse occasioni le parafarmacie si sono proposte per aumentare i servizi al cittadino, ma spesso le autorizzazioni per farlo non sono arrivate. La delusione per il mancato riconoscimento della categoria è espressa senza mezzi termini dal presidente della Federazione nazionale parafarmacie italiane (Fnpi) Davide Giuseppe Gullotta. «Le parafarmacie – dichiara il dirigente – sono sempre di più una realtà consolidata in questo Paese, gli unici a non accorgersene sono i politici e l’attuale classe dirigente. A partire dalla possibilità di fare i tamponi, fino alla stampa dei green pass con il solo codice fiscale, è evidente che si tratta di attività che avrebbero potuto tranquillamente essere fatte anche in parafarmacia, ma che inspiegabilmente vengono negate alle parafarmacie e ai cittadini che vi si riforniscono».

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

«Ci vengono negati semplici servizi»

Gullotta sottolinea che alla parafarmacia viene preclusa la possibilità di erogare semplici servizi, che la categoria è perfettamente in grado di offrire ai cittadini. «È inspiegabile – afferma il presidente della Fnpi – l’atteggiamento di chiusura, a cui stiamo assistendo in questo periodo, da parte della classe politica, non su ulteriori liberalizzazioni o ampliamento dei farmaci dispensabili, ma meramente su semplici servizi che i farmacisti di parafarmacia sono perfettamente preparati e organizzati per poter erogare. La stampa del green pass avviene con un click, i software in parafarmacia sono gli stessi che in farmacia, ma stranamente le parafarmacie non sono abilitate. Inspiegabile è che i nostri appelli, comunicati ufficiali, Pec e richieste ufficiali cadano totalmente nel vuoto. Il nostro continuo invito a sfruttare maggiormente i farmacisti di vicinato ed essere includi nei servizi a beneficio del cittadino, viene totalmente ignorato».

«Parafarmacie sempre più apprezzate da cittadini e professionisti»

«La casa assurda – prosegue Gullotta – è che proprio in questa fase le parafarmacie stanno crescendo, non solo nei numeri ma anche nell’apprezzamento da parte del cittadino e delle aziende farmaceutiche. Mai come ora tante aziende si sono rese conto che le quasi 5mila parafarmacie sul territorio nazionale sono un validissimo interlocutore, che sono una realtà imprenditoriale e professionale con cui rapportarsi. Anche aziende farmaceutiche che in passato hanno snobbato il “fenomeno parafarmacia” ora ci contattano e si rapportano con noi perché ritrovano nel farmacista di parafarmacia un interlocutore attento e preferenziale con cui instaurare strategie. Proprio perché ci si è resi conto che spesso il farmacista di parafarmacia, avendo più tempo a disposizione, riesce a dedicarsi maggiormente all’ascolto del paziente/cliente. Gli unici a non accorgersene sono i politici, che dimostrano ancora una volta una forte distanza con la realtà del Paese».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.