social card farmaciaLa social card farmacia ha una capitale: Verona. Ben novanta farmacie della città di Giulietta hanno aderito alla convenzione che consente l’utilizzo della carta acquisti ai cittadini in difficoltà economiche. Il dislivello rispetto al resto del paese è consistente. La media veronese, infatti, arriva al 41 percento staccando di ben tredici punti percentuali quella nazionale ferma a quota 28 percento.
A segnalare le farmacie aderenti sarà un’apposita locandina che riporta il logo blu della carta acquisti affiancata dalla scritta: “In questa farmacia puoi usare la carta acquisti – social card”. Completa il piccolo manifesto un pensiero rivolto a tutti gli utenti: “la tua farmacia sempre al servizio del cittadino”.
Per conoscere la lista completa delle farmacie di Verona e provincia aderenti, basta consultare il sito federfarmaverona.it e cliccare la sezione “La parola al farmacista – social card”.
Gli interessati potranno utilizzare la carta per l’intero anno in corso. Recentemente, infatti, Federfarma ha firmato la proroga a tutto il 2015 della convenzione con i ministeri dell’Economia, del Lavoro e della Salute.
I titolari della Carta potranno quindi acquistare i farmaci attraverso questa carta prepagata che viene ricaricata di ottanta euro ogni due mesi, che non è abilitata al prelievo in contanti e che può fare da supporto per spese alimentari e sanitarie nonché per quelle relative al pagamento di bollette di luce e gas.
Alle farmacie convenzionate viene richiesto di applicare uno sconto del 5 percento sui prodotti acquistati con la Social Card. Il beneficio può essere riconosciuto o riducendo direttamente l’importo del conto, o rilasciando un buono col quale poter effettuare altri acquisti. Inoltre, in seguito a un spesa da parte del cliente, i farmacisti sono tenuti ad effettuare la misurazione gratuita della pressione arteriosa e del peso corporeo.
“Si tratta di un servizio importante per le persone in difficoltà che avviene nella completa privacy per l’utente della farmacia”. A sottolineare il valore della Social card è stato Marco Bacchini, Presidente di Federfarma Verona, che ha aggiunto: “l’incremento dell’utilizzo della Social Card è costante nel tempo da un paio di anni a questa parte, segno che le difficoltà finanziarie non accennano a diminuire. Invitiamo quindi i possessori di Social Card a rivolgersi al proprio farmacista per avere tutte le informazioni necessarie”. Occhio costantemente rivolto agli utenti, quindi: “la Social card in farmacia evidenzia ancora una volta il ruolo sociale della farmacia che offre a questi pazienti fragili l’opportunità dell’acquisto di un bene così importante come il farmaco, riducendo la propria marginalità. Inoltre con interventi professionali come la misurazione gratuita della pressione, si mette a disposizione il valore aggiunto di una maggiore considerazione dedicata a persone che meritano una cura speciale”. A Verona, novanta farmacie sono pronte a fornirla.

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.