Dopo il mese di gennaio, anche quello in corso risulta essere un mese “ricco” di scadenze fiscali per le farmacie, come peraltro in gran parte delle attività in Italia. A tal proposito, una nota dello Studio Associato Bacigalupo-Lucidi, ricorda gli adempimenti la cui scadenza è prevista a febbraio 2019. Essi riguardano quattro versamenti e tre trasmissioni telematiche, quando previsti.

Si parte con il 18 febbraio, poiché il 16 cade di sabato, giorno entro il quale bisogna versare mediante l’F24 online «Iva relativa al mese di gennaio 2019 per i contribuenti mensili», le «ritenute sui compensi di lavoro dipendente, autonomo e di capitale corrisposti nel mese di gennaio», i «contributi Inps per i dipendenti, i collaboratori coordinati e continuativi», questi ultimi relativi al mese di gennaio. Nella stessa data bisogna effettuare il «versamento dei contributi Inps in misura fissa per artigiani e commercianti riferiti al quarto trimestre 2018», il «versamento del premio Inail relativo al saldo 2018 ed all’acconto 2019, in unica soluzione o come prima rata», ed infine il «versamento del saldo dell’imposta sostitutiva sulle rivalutazioni dei fondi per il trattamento di fine rapporto maturato nel 2018». A tal proposito, lo Studio associato specifica che «l’acconto è stato versato entro il 17/12/2018».

Un ulteriore serie di scadenze ricade il 28 febbraio, data entro la quale bisogna effettuare la «trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate della Comunicazione dei dati riepilogativi delle liquidazioni periodiche Iva relativa al quarto trimestre 2018, sia per i contribuenti mensili che per quelli trimestrali», la «trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate della Comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute relativa al secondo semestre 2018, c.d. Spesometro», ed infine la trasmissione telematica all’Agenzia delle Entrate della comunicazione dei dati delle fatture emesse e ricevute dall’estero relativa al mese di gennaio 2019, c.d. Esterometro».

© Riproduzione riservata