preparazioni-galeniche-allestite-da-personale-non-laureato-quesitoPuò un pratico (non laureato) fare preparazioni galeniche nel laboratorio della farmacia sotto la supervisione del titolare-direttore

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

La risposta al quesito – così formulato (“fare preparazioni galeniche”) – non può che essere negativa.
L’attività per eccellenza del farmacista, anche nell’ ”immaginario collettivo”, è proprio quello di preparare galenici, e quindi nessuno, neppure un “pratico” – anche se “sotto la supervisione” di un farmacista – potrebbe mai sostituirsi a quest’ultimo.
Altro sarebbe se, poniamo, quel “pratico” riuscisse – ma non sappiamo come – a circoscrivere rigorosamente la sua partecipazione alla preparazione galenica al compimento di atti di pura manualità comportandosi in sostanza da “strumento umano” del farmacista ( una sorta di suo arto superiore….), il cui ruolo pertanto dovrebbe andare comunque ben oltre la semplice “supervisione”.
Ma si tratta evidentemente di un’eventualità più che altro figurativa e per nulla rispondente all’ipotesi descritta nel quesito.

(stefano lucidi)

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.