Si terrà oggi, sabato 25 gennaio, la prima sessione formativa del percorso organizzato da Federfarma Salerno avente come oggetto il tema “Oncologia per farmacisti”, per un totale di cinque moduli didattici: “Oncologia e strategie”, “terapia del dolore”, “gestione eventi avversi”, “diagnosi precoce e gestione emotiva”, ed infine “prescrizioni farmaceutiche”. L’evento, realizzato con il patrocinio dell’Ordine dei farmacisti della provincia di Salerno, vedrà la collaborazione di diversi professionisti sanitari provenienti da strutture presenti sul territorio. Tra essi, Alfonso Maria D’Arco, primario emerito dell’Unità operativa di oncoematologia del polo oncologico di Pagani. «Gli argomenti trattati – puntualizza lo stesso sindacato territoriale – consentiranno al farmacista di fornire indicazioni al cittadino in quanto fondamentale punto di snodo per la gestione del paziente nella cooperazione tra ospedale e territorio. Il piano di formazione è stato strutturato in maniera tale che i farmacisti, acquisendo maggiori conoscenze scientifiche e normative nell’ambito oncologico, per quanto di competenza, possano essere riferimento, sul territorio, per il paziente nel percorso terapeutico».

[Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica]

«Federfarma Salerno – evidenzia Dario Pandolfi, presidente dell’associazione di categoria – ha ritenuto di dar vita ad un percorso formativo su una patologia estremamente delicata per aumentare la valenza e il valore professionale del farmacista, che potrà essere maggiormente vicino, nell’ambito delle proprie competenze professionali, al paziente oncologico. Inoltre si è deciso, in accordo con il direttore scientifico del corso, il dottore D’Arco, che i relatori siano tutti professionisti (farmacisti, medici e docenti universitari) che esplicano la propria attività professionale nell’ambito salernitano a testimonianza dei valori del territorio. Infatti i relatori operano nelle strutture dell’Asl Salerno e dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Ruggi d’Aragona e al Dipartimento di Farmacia dell’Università degli Studi di Salerno».

© Riproduzione riservata