Il ruolo della farmacia nella riorganizzazione territoriale del sistema sanitario italiano ed europeo è oggetto del volume “Evoluzione della farmacia dei servizi. Prevenzione attiva e gestione delle cronicità”, realizzato da Federfarma con il contributo non condizionato di Sanofi. Il testo presenta una ricerca approfondita con dati basati sulla rielaborazione di fonti statistiche e documentali, nazionali ed europei, tra cui il Centro di documentazione del Pharmaceutical group of the European Union (Pgeu). «La pandemia ha contribuito ad accelerare il processo evolutivo della farmacia da semplice luogo di dispensazione del farmaco a primo presidio sanitario di prossimità in grado di erogare servizi al cittadino – si legge nella presentazione – segnando, di fatto, l’ingresso della farmacia dei servizi nel campo della prevenzione attiva in ambito sanitario. La possibilità per il cittadino di accedere alle vaccinazioni anti-Covid e antinfluenzali in farmacia assume un valore emblematico in tale contesto».

[Se non vuoi perdere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

Dalla pandemia al grande cambiamento

Il volume si articola in tre sezioni «Il primo capitolo – spiegano gli autori – si concentra sull’impatto esercitato dalla pandemia sul comparto delle farmacie, in Italia e in Europa, e in particolare sull’effetto di booster del cambiamento che l’emergenza stessa ha esercitato sulle farmacie. Si riassumono le esperienze più significative registrate nei diversi Paesi membri dell’UE per tratteggiare il meccanismo che conduce trasversalmente al confluire del format della farmacia dei servizi in quello più ampio di farmacia di relazione, con tutte le conseguenze sull’organizzazione dei servizi di assistenza medica e sanitaria che il passaggio può comportare». Il secondo capitolo offre un focus sulle opportunità derivanti dalla digitalizzazione. «L’affermarsi del Fascicolo sanitario elettronico (Fse) e dei suoi strumenti – si legge – trova proprio nelle farmacie un ambiente ideale ove dispiegare i propri benefici, tanto per i pazienti quanto per i professionisti del settore medico». Il terzo capitolo trae invece una serie di conclusioni sull’analisi fatta e individua le prospettive future. «Sono posti in particolare evidenza il ruolo che il farmacista può stabilmente assumere nelle campagne di somministrazione dei vaccini, la finestra di servizi generata dall’affermarsi del Fascicolo sanitario elettronico e dal corollario della telemedicina, la funzione di prossimità che solo la farmacia può assicurare in un rinnovato sistema di organizzazione dei servizi di assistenza ai cittadini».

Nulla sarà più come prima

Le analisi e i dati presentati nel libro portano gli autori a concludere che «il sistema esce dalla fase emergenziale profondamente diverso da come vi era entrato. Ciò vale sia per i contenuti oggettivi (servizi, rimodulazione delle fonti di revenue, catena del valore), sia per la percezione della farmacia da parte dei pazienti e, più in generale, dei cittadini». Non si tratta però di un cambiamento inatteso, bensì dell’accelerazione di un’evoluzione che era già in atto da tempo. «È chiaro peraltro – aggiungono gli autori – che, sebbene il processo di cambiamento si sia innescato e, nei fatti, non possa più essere riassorbito né arrestato, lo stesso non si è ancora esaurito. Vi sono numerosi tasselli che devono essere sistemati affinché i benefici del nuovo sistema possano manifestarsi in tutta la loro portata a favore del target di soggetti coinvolti: cittadini, farmacisti, professionisti del settore sanitario, imprese e società civile nel loro insieme». In conclusione viene sottolineato che, «affinché si compia l’ultimo passaggio, è indispensabile intervenire sul quadro regolamentare, la revisione degli assetti organizzativi, la formazione del personale delle componenti coinvolte e sulla definizione di misure a sostegno degli investimenti necessari».

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.