Lo scorso giugno FarmaciaVirtuale.it ha pubblicato l’articolo “Ricetta elettronica, l’esperto: «Medici non legittimati ad inviare prescrizioni direttamente alle farmacie»”, riportando il parere del legale Angela Dell’Osso, integrato successivamente con un ulteriore precisazione. Il tema affrontato ha tuttavia stimolato il parere di Danilo Montanari, dello Studio Legale Montanari, il quale conclude che «ritenere la delega una “scorciatoia” da parte delle farmacie per accaparrarsi le ricette è offensivo per il cittadino e lesivo della sua facoltà di scelta imposta dall’art. 15 Legge 475 1968; è anche lesivo dell’onorabilità del farmacista destinatario della delega in quanto egli con essa si assume una grande responsabilità nei confronti del delegante visto che è tenuto al rispetto assoluto delle disposizioni ricevute e ne risponde da un punto di vista civile e penale».

[Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica]

In proposito, si allega il parere integrale nella sezione “Documenti allegati” in calce al presente articolo.

© Riproduzione riservata