«La fatturazione elettronica è un processo importante perché consentirà un miglioramento dell’operatività in farmacia, derivante da una migliore gestione della documentazione». È l’opinione di Marco Conti, responsabile commerciale di Siteam Srl, software house per farmacie con sede in Siracusa, in merito all’introduzione dell’obbligo della fatturazione elettronica. Come noto, tale adempimento ha reso obbligatoria l’emissione del documento in formato elettronico sia tra operatori Iva (operazioni B2B, cioè Business to Business), sia nel caso in cui la cessione/prestazione è effettuata da un operatore Iva verso un consumatore finale (operazioni B2C, cioè Business to Consumer), ferma restando l’esonero per i farmacisti per il 2020 per la parte relativa alle spese sanitarie dei pazienti, le cui transazioni sono inviate dalle farmacie direttamente al Sistema tessera sanitaria.

Secondo Conti la fatturazione elettronica non deve essere vista come uno scoglio. «Anche la sola possibilità di avere direttamente tutti i documenti contabili nel proprio software gestionale – spiega -, rappresenta un grande vantaggio. Ciò grazie a funzioni avanzate come il carico automatico degli importi presenti in fattura direttamente nel software gestionale o la possibilità di avere nella prima nota le scadenze dei pagamenti. Tutti servizi derivanti da un uso appropriato del file XML della fattura elettronica». In sostanza, aggiunge, «deve essere vista come un passo avanti nel rendere più sicuri i passaggi che venivano eseguiti in precedenza e che avevano al centro la fattura in forma cartacea».

Conti spiega che questo processo di cambiamento ha avuto non poche difficoltà, soprattutto in merito alle notizie circolate relative all’esenzione di tale adeguamento. Inoltre, sottolinea, «i clienti continuano a contattarci perché vogliono essere rassicurati in merito alle procedure da svolgere per il completo adeguamento». Su questo punto il dirigente evidenzia che «non c’è stata grande informazione da parte delle associazioni, rispetto a chi fossero i reali destinatari di questa innovazione. All’inizio dell’implementazione c’erano molte informazioni confuse, come ad esempio quella dell’esenzione per le farmacie».

Nonostante ciò, il software consentirà di facilitare tutte le procedure, anche quelle relative all’intrecciamento con gli intermediari scelti per comunicare con il Sistema di Interscambio (Sdi). «La nostra piattaforma – conclude conti – integra tutti gli intermediari, tra cui Promofarma e le maggiori piattaforme. In questo senso, la nostra software house procederà all’intrecciamento totale con il software gestionale, in futuro anche con altre. Ogni cliente deve essere libero di scegliere, senza alcun aggravio di costi aggiuntivi».

© Riproduzione riservata