Dal 17 al 19 settembre 2021 si svolgerà in varie location nei pressi di Castelluccio Superiore (Pz) la dodicesima edizione di Botanicum, il convegno annuale della filiera lucana delle piante officinali. L’evento, a partecipazione libera, è riservato a 50 partecipanti e avrà come filo conduttore “la cultura della biologia positiva”, definita dall’organizzazione come «nuovissima scienza per lo studio di benessere, vitalità, longevità, felicità e gioia di vivere, in ambito umano». L’evento di formazione professionale è accreditato Agenas, è aperto a tutti gli operatori sanitari e dà diritto all’acquisizione di 50 crediti formativi.

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

Alla base della biologia positiva

I temi che verranno affrontati prendono le mosse dall’osservazione dello stato di salute e benessere di alcune popolazioni, di cui si stanno esaminando abitudini alimentari e stili di vita al fine di comprendere i fattori che determinano tale condizione. «Gli studi antropologici, sociologici, epigenetici e clinici su persone che vivono una vita lunga, felice e sana – spiega l’organizzazione nella presentazione del convegno – servono per comprendere le chiavi della qualità della vita. Le osservazioni delle abitudini di vita sane di varie popolazioni nel mondo, come quelle di aree regionali italiane tra cui Basilicata, Campania, Sardegna e Sicilia, servono per spiegare perché alcuni individui vivono più di un secolo, senza ammalarsi mai di malattie croniche che affliggono la maggior parte degli esseri umani, e quindi adottare stili di vita performanti, alimentari equilibrati e socioculturali stimolanti. Gli esempi di biologia positiva delle popolazioni che vivono in habitat salutari denominati “Blue Zone” sono utili per assimilare e replicare con successo i modelli che si sono rivelati vincenti e che possono essere adottati anche da chi, momentaneamente, ha necessità di risolvere squilibri di salute lievi».

Il programma della tre giorni di Botanicum 2021

Botanicum si aprirà il 17 settembre a Catasta Campotenese (Morano Calabro CS Pollino Patrimonio Unesco) alle 16.45 con la sessione istituzionale, che prevede una tavola rotonda relativa a temi legati a territorio, aree protette, ambiente e piante officinali, a cui seguirà un intervento sull’etnobotanica. Tra gli altri approfondimenti della giornata, Rosario Amelio, medico chirurgo, referente per la Calabria dell’Associazione italiana medicina forestale (Aimef) terrà l’intervento “Il potere terapeutico degli alberi: un’opportunità straordinaria per la salute umana e la valorizzazione ecosostenibile delle aree forestali calabro-lucane”. A seguire il giurista Lucio Minervini presenterà le attività e i progetti relativi ai distretti culturali europei, il fondo unico europeo per la cultura e riconoscimento della cultura classica greca e latina, quale patrimonio immateriale bene dell’umanità. Il 18 settembre è prevista una sessione agronomico-botanica presso l’hotel Settemezzo di Castelluccio Superiore, dalle ore 9.00 alle ore 13.00, con il convegno “Positive biology, fitoterapia, risorse antiche e scienze moderne”. Alle 18.30 sarà la volta della sessione culturale, con la premiazione di un concorso letterario e un concerto. Botainicum si chiuderà domenica 19 settembre con un’escursione a Castelluccio Superiore e Inferiore guidata dall’etnobotanico Carmine Lupia. Il raduno è previsto alle 9.00 in Piazza S.Lucia. Per tutte le informazioni sull’edizione 2021 del convegno contattare la segreteria organizzativa (mail: segreteria@botanicum.it).

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.