«Un milione di euro alla Protezione civile per la Regione Campania, un servizio di consegna a domicilio di farmaci ospedalieri e dalle farmacie territoriali nelle aree più colpite dalla pandemia». Si tratta di una parte degli interventi voluti da Novartis, azienda tra i leader a livello globale nel settore farmaceutico, con la finalità di sostenere l’Italia nella lotta alla diffusione del coronavirus. Ulteriori interventi coinvolgeranno direttamente i collaboratori di Novartis, invitati «a donare – spiega Novartis – il corrispettivo di una giornata di lavoro da destinare all’emergenza in Lombardia», ai quali «l’azienda raddoppierà la cifra raccolta».

[Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica]

Una ulteriore misura del colosso farmaceutico prevede «fornitura gratuita di farmaci Novartis indicati per altre patologie potenzialmente efficaci, secondo la comunità scientifica, nel trattamento di pazienti affetti da Covid-19». Inoltre, «un piano nazionale per il primato della scienza rivolto ai più giovani e una call to action all’interno del programma di open innovation BioUpper, per stimolare nuove soluzioni in grado di contribuire alla gestione delle emergenze in sanità».

Pasquale Frega, amministratore delegato Novartis Farma e country president Novartis Italia, commenta con favore il percorso intrapreso: «Le iniziative della campagna Novartis per un’Italia a prova di futuro – evidenzia il dirigente – sono il primo contributo con cui Novartis partecipa allo sforzo dell’intera comunità nazionale per vincere una sfida sanitaria senza precedenti». Frega ha sottolineato come «da sempre siamo impegnati nella nostra missione di re-immaginare la medicina e, ora più che mai, vogliamo essere al fianco delle istituzioni e di medici, operatori, infermieri e pazienti. Abbiamo cominciato sin d’ora a re-immaginare la vita del nostro paese. Lo sguardo è rivolto al presente, per supportare la gestione dell’emergenza, ma anche al domani che ci aspetta, per ricostruire insieme un’Italia a prova di futuro, che sappia far leva sul valore della scienza e dell’innovazione».

© Riproduzione riservata