«I farmacisti si trovano tra due fuochi: una burocrazia che non lascia campo e i cosiddetti fornitori intermedi che propongono prezzi fuori misura, pretendendo pagamenti in anticipo ed immediati ma tardando, spesso, nella fornitura o, addirittura, lasciando attendere il professionista per settimane, così come i suoi clienti/pazienti». Termina così una lunga ma accorata nota di Davide Giuseppe Gullotta, presidente della Federazione nazionale parafarmacie italiane (Fnpi), inviata all’attenzione della categoria.

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

«Il Covid-19 – prosegue Gullotta – ci ha chiuso in casa, ha bloccato praticamente tre quarti delle aziende italiane, ci ha costretti a rinunciare a molte delle libertà che in passato davamo per scontate. Nonostante ciò, l’unica cosa che resta molto attiva e operativa è la burocrazia». Più nel dettaglio, «anche in questo momento di estrema emergenza, chi ancora lavora tra sacrifici e paure, si ritrova a lottare con la macchina burocratica Italiana. Pagamenti rallentati da parte delle Asl, lungaggini enormi alle dogane per l’importazione di mascherine, interpretazioni difformi da regione a regione sulle modalità di dispensazione dei Dpi».

Il dirigente rileva poi che «l’assurdo è che in ospedale, farmacia e parafarmacia si muore anche per carenze di Dpi, ma l’approvvigionamento resta fortemente rallentato da procedure burocratiche, il cui unico risultato è stato di lasciare gli operatori sanitari (farmacisti, medici ed infermieri) senza protezione». Inoltre, evidenzia Gullotta, «si assiste ad un’altro fenomeno che si palesa aberrante: carenza endemica ed aumento di prezzi sproporzionato di mascherine, guanti, gel igienizzanti, alcool. Questo aumento sproporzionato dei prezzi ricade sugli utenti finali: farmacisti e clienti».

Secondo Gullotta «a parte spiacevoli episodi eclatanti, proprio i farmacisti si ritrovano nella difficilissima posizione di rivendere questi dispositivi a prezzi più elevati del solito ma marginandoci molto meno che in passato, proprio perché molti di questi beni hanno subito un aumento dei prezzi esorbitante». Tra i vari casi, il dirigente fa riferimento alle mascherine chirurgiche, secondo cui esse sono «introvabili dai soliti grossisti e aziende, ma ci vengono proposte da vari fornitori intermedi a prezzi  che sono anche 100 o 200 volte superiore al passato». In tal senso «il farmacista di vicinato è costretto, quindi, a doversi confrontare con una clientela in difficoltà economica per la crisi e che allo stesso tempo subisce insieme ai farmacisti stesso aumenti abnormi dei prezzi di mascherine, guanti, alcool».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.