Contributi una tantum parafarmacieL’ente previdenziale dei farmacisti ha diffuso il Regolamento per l’assegnazione dei contributi una tantum a titolari e soci di parafarmacia per il 2018. Come riportato da FarmaciaVirtuale.it, l’ente ha spiegato in un comunicato che «provvederà all’assegnazione di un contributo una tantum in favore degli iscritti titolari o soci di esercizi autorizzati alla vendita di farmaci da banco. L’importo stanziato è di 550.000 euro. L’iniziativa termina con l’esaurirsi dello stanziamento economico, pertanto, la presenza in graduatoria non garantisce l’attribuzione del contributo assistenziale».

Ciò avviene, spiega l’ENPAF, «dopo l’intervento a favore dei farmacisti rurali sussidiati a basso reddito, per l’importo complessivo di 850 mila euro, il cui termine per la presentazione della domanda è scaduto il 28 settembre scorso».
Per questo motivo, Emilio Croce, presidente dell’ENPAF, ha osservato che «come ogni anno, il Consiglio di amministrazione dell’Ente non dimentica coloro che esercitano la professione in una condizione, spesso, di disagio economico».

«Credo – conclude Croce –  che le iniziative assunte siano la migliore risposta della Fondazione alle difficoltà della Categoria. Ormai, sempre più l’Ente è impegnato nel settore del welfare allargato, che comprende anche le ulteriori iniziative, assunte in favore di coloro che sono in stato di disoccupazione involontaria, nonché la copertura sanitaria per i grandi interventi e la Long Term Care, estese a tutti gli assicurati attraverso l’EMAPI».

© Riproduzione riservata