L’Associazione nazionale farmacisti non titolari (Conasfa) si rende disponibile per il supporto alla popolazione, andando oltre la tradizionale attività svolta dalle decine di farmacisti dislocati sul territorio pronti per assistere i cittadini. Secondo quanto fa sapere la sigla, infatti, «l’associazione ha deciso di patrocinare trovamascherine.org, che da oggi inizia una partnership con FarmacistaTreSeiZero, comunità del farmacista libero». Più nel dettaglio, evidenzia Conasfa, «trovamascherine.org è un progetto open-source e non-profit che offre gratuitamente un servizio per visualizzare le disponibilità di mascherine, guanti monouso, gel disinfettanti, alcool etilico denaturato, pulsossimetri e termoscanner presso le farmacie e parafarmacie affiliate». Ciò con la finalità di «facilitare il reperimento di dispositivi di protezione da parte dei cittadini in questo periodo in cui è ancora fondamentale nonché obbligatorio indossare tali dispositivi, al fine di limitare i contagi dovuti al covid-19».

[Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica]

Quanto agli obiettivi di medio-lungo periodo, Conasfa spiega che «è permettere di avere almeno un farmacista affiliato in ognuno dei 7.914 comuni d’Italia». Per questo motivo «in virtù della partnership con TrovaMascherine.org, Conasfa chiede a tutti i suoi associati di farsi portavoce del progetto e invita tutte le farmacie e parafarmacie affinché facciano richiesta di adesione scrivendo a supporto@trovamascherine.org».

Non è la prima iniziativa che Conasfa porta a termine per il supporto alla professione. Lo scorso febbraio la sigla di categoria aveva esortato i farmacisti collaboratori a segnalare eventuali criticità professionali in seguito alla diffusione del coronavirus in Italia. Ciò invitando «tutti i colleghi non titolari a segnalarle ogni tipo di problema e criticità che incontrano in questi giorni», al fine di «raccogliere ogni suggerimento dai colleghi sulla base della loro esperienza maturata nei giorni di crisi».

© Riproduzione riservata