«Oggi vogliamo riflettere sul futuro della sanità, sul cambiamento che ci sarà, secondo noi, nel mondo farmacia e su una nostra soluzione. Introduciamo il concetto di “Sinergia di farmacisti”. Questo è per noi non una mera rivendicazione quanto piuttosto una presa di coscienza del bagaglio professionale che questa categoria porta con sé. Farmacisti che si uniscono in una voce corale potrebbe essere la “ricetta” giusta per il benessere sì del cittadino ma anche del professionista stesso e del sistema». È quanto evidenzia l’Associazione nazionale professionale farmacisti non titolari (Conasfa), fornendo un quadro a diversi anni dall’approvazione della legge sulla concorrenza. Conasfa, in tal senso, ricorda che «il 4 agosto 2017 viene approvata la legge n. 124 per il mercato e la concorrenza che ha di fatto aperto la titolarità dell’esercizio della farmacia privata alle società di capitali».

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

Svolta epocale di cambiamento

La modifica legislativa, secondo Conasfa, è «una svolta epocale che ha cambiato e sta cambiando non solo il panorama della “proprietà” ma anche il modus operandi della farmacia territoriale. Una strada lunga e non poco tortuosa per i gruppi di acquisto. Infatti se da un lato si presenta stimolante e affascinante per gli investitori, il mercato delle Farmacie è altrettanto sconosciuto e con regole ben precise. Basti pensare che l’Italia è il Paese con la popolazione più anziana d’Europa. Questo garantisce una spesa farmaceutica molto alta e destinata a crescere. Allettante e “in discesa” se ci pensate». La sigla evidenzia che «dal 2009 si è poi sviluppata la “Farmacia dei servizi”, la cosiddetta “Farmacia dei sani”, che ha dato la possibilità all’intero settore di abbracciare il concetto di salute a 360 gradi».

Le limitazioni della normativa

Per Consafa «la normativa impone tuttavia, fortunatamente, alcune limitazioni. Tra le tante la partecipazione “è incompatibile con qualsiasi altra attività svolta nel settore della produzione e informazione scientifica del farmaco, nonché con l’esercizio della professione medica”. O ancora i soggetti che possono diventare titolari dell’esercizio della farmacia comunque “possono controllare direttamente o indirettamente”, “non più del 20% delle farmacie esistenti nel territorio della medesima regione o provincia autonoma”. Secondo la sigla tali limiti «non hanno mai ostacolato e non lo faranno nemmeno in questa occasione la sana concorrenza “privato/aziende”, e questo fa presupporre che in un futuro non troppo lontano un’alta percentuale di Farmacie sarà di proprietà di pochi grandi gruppi di acquisto».

Uno sguardo prospettico al futuro

Interrogandosi sul futuro dei farmacisti, Conasfa evidenzia che il farmacista continuerà a fare la differenza. I farmacisti sono la farmacia. Il consiglio, il presidio sanitario distribuito capillarmente sul territorio, un servizio fruibile al cittadino in modo agevole, il rapporto di fiducia. Non perdendo di vista la nostra “mission”, il quid della professione che abbiamo scelto, e unendoci senza più una sempre più vuota distinzione tra titolari e collaboratori, forse riusciremo a far passare chiaro il messaggio che la salute è un diritto e non un prodotto. E che i professionisti della salute andrebbero ascoltati, non ostacolati. Questo sarà probabilmente l’unico modo per non essere fagocitati da un sistema che ci vuole sempre più commerciali e sempre meno etici e professionali. Sarà l’unica strada per far capire che etica e fatturato dovranno e possono coesistere. Conasfa è pronta, come sempre, a fare la sua parte nella collaborazione totale per il benessere del Pianeta Farmacia. Il capitale ne ha bisogno. Ha bisogno di un partner competente e collaborativo al servizio del bene del sistema. collaborazione e competenza. Questa è a nostro avviso la soluzione. Quando i farmacisti si mettono insieme per un obiettivo comune diventano una potenza: Sinergia di farmacisti».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.