Un cryptolocker che ha fatto chiudere una farmacia per tre giorni, un server che di lunedì non riparte, la cancellazione accidentale di dati. Circostanze che, oltre a creare un fermo e un danno economico, mettono il farmacista titolare di fronte a un quesito: in che modo si poteva evitare? A fornire un quadro chiaro su come il Cloud ibrido supporta le operazioni della farmacia è Alessandro Bottaioli, Chief technical officer di Pharmagest Italia, società operante nell’informatica di filiera, proprietaria del software gestionale Sophia. Come è noto, sviluppo tecnologico e miglioramento della connettività hanno fatto da volano all’utilizzo avanzato di soluzioni gestionali Cloud in farmacia.

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

Il Cloud ibrido è riuscito a risolvere i problemi presenti da un decennio?

«Le tecnologie sono cambiate, consentendo l’uso di soluzioni che una volta erano solo alla portata di realtà più grandi rispetto alle farmacie. Così come nella distribuzione intermedia, dove sistemi di business continuity e alta affidabilità costituiscono l’ossatura principale, anche nel mondo della farmacia oggi è possibile sfruttare le tecnologie più avanzate, pur non avendo un Ced o un responsabile IT. Il Cloud consente la sincronizzazione in tempo reale dei dati del software gestionale con datacenter esterni, offrendo la tranquillità di lavorare anche a fronte di guasti e in modalità smart».

In che modo vengono gestiti i dati con il Cloud ibrido?

«In sintesi, viene replicato il singolo dato. Non è una procedura che a intervalli prestabiliti estrae grandi quantità di dati e li invia. I dati della farmacia – ogni qualvolta viene modificata un’informazione, con un inserimento, una variazione o una cancellazione – vengono replicati all’esterno. Il fatto che tutto avvenga in tempo reale fa si che la banda Internet richiesta non sia elevata. Vengono trasferiti solo i dati aggiunti o modificati, indipendentemente dalla grandezza della farmacia e dal numero di postazioni».

Rottura di server e cryptolocker restano solo un ricordo?

«L’hardware è soggetto a usura, indipendentemente dal software gestionale. Potrebbe accadere che un farmacista chiami il servizio assistenza e ci si renda conto che il server non è più funzionate. Nel caso di un software con Cloud ibrido, si “clicca” sull’icona “Cloud” presente su qualsiasi postazione e la farmacia continua a lavorare: scontrini fiscali, ricette elettroniche, ordine al grossista e tutto ciò che è connesso al software gestionale. Questa è una grande tranquillità di cui può disporre il farmacista, a fronte di un evento che può capitare in farmacia. Nel caso del cryptolocker, lo scenario è decisamente peggiore: quando arriva cripta tutto, backup compresi, ecco perché la soluzione basata sul Cloud ibrido, permettendo di avere una copia di dati sincronizzata in tempo reale, è l’unico sistema che garantisce la totale sicurezza».

Il requisito della connessione Internet?

«Il Cloud ibrido funziona anche senza connessione perché è comunque presente un server in farmacia che svolge la propria funzione. Oggi si riesce a trovare un giusto compromesso per far sì che si possano avere dati replicati all’esterno e, contestualmente, la possibilità di lavorare in assenza di connessione. In sostanza, la struttura locale della rete resta identica, server compreso. Con questo approccio al Cloud si hanno solo vantaggi, senza dipendere dalla connessione. Un altro caso di utilizzo è lavorare normalmente in Cloud ma installare un server locale “modesto”, in modo che sia sempre pronto a intervenire quando va giù la connessione Internet».

Esistono altri vantaggi?

«Ai benefici sopra evidenziati si aggiunge il fatto che avendo i dati replicati su un datacenter esterno, è possibile realizzare servizi sempre più utili ai giorni nostri. Tra questi, un’app per controllare l’andamento della farmacia, fino a vedere il valore della cassa aggiornato in tempo reale. Si tratta di informazioni che l’app può visualizzare senza collegarsi al server in farmacia, ma direttamente al Cloud, per avere a disposizione informazioni aggiornate al secondo».

In che modo sono gestite reti e gruppi di farmacie?

«Altro vantaggio si ha nella gestione di gruppi di farmacie, grandi o piccoli: avere istanze Cloud significa poter realizzare un Hub centrale con i dati dei singoli punti vendita, per poterli gestire centralmente e in tempo reale, un concentratore che evita di accedere a informazioni vecchie piuttosto che a un sottoinsieme dei dati e che dispone dei dati delle singole realtà territoriali. La realizzazione di un concentratore è utile per analisi statistiche, ma anche per la gestione di processi come ordini centralizzati o per attività come cambiare il prezzo di un prodotto in tutte le farmacie del gruppo con un solo click. In tal caso, avere informazioni in real time è fondamentale per centralizzare di reti di farmacie».

Come vengono tutelate privacy e sicurezza?

«Per ottenere il massimo della tutela in termini privacy e sicurezza, andrebbero utilizzate infrastrutture italiane, anche per essere totalmente aderenti alla normativa vigente. Raccomandiamo quindi di affidarsi a partner tecnologici che si assumano la responsabilità della gestione di un datacenter per le istanze Cloud. È una garanzia in più per i farmacisti, perché volendo possono disporre di un indirizzo fisico e numero civico dove sono conservati i dati della farmacia che non sono sparpagliati chissà dove in Europa o all’estero, ma in Italia. Inoltre, le soluzioni rispettano il GDPR e le normative di sicurezza all’avanguardia».

Quali garanzie offre Pharmagest?

«Pharmagest Italia gestisce due datacenter proprietari in Italia e dal 2017 la maggior parte delle installazioni di Sophia sono state erogate in modalità Cloud ibrido, con grande soddisfazione dei clienti che ne percepiscono immediatamente i vantaggi. Sarebbe un peccato rinunciare a questo importante valore tecnologico».

Con il contributo non condizionante di Pharmagest Italia

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.