Dal 15 al 20 novembre si tiene “In farmacia per i bambini”, l’iniziativa annuale voluta dalla Fondazione Francesca Rava. Al centro dell’operazione c’è il coinvolgimento delle farmacie al fine di sensibilizzare sui diritti dell’infanzia e raccogliere farmaci e prodotti baby care per i bambini in povertà sanitaria. Per supportare la Onlus, Bayer ha donato prodotti destinati alle famiglie in difficoltà. La condizione di insufficienza, secondo quanto evidenzia Bayer riportando i dati Istat del 2020, vede «oltre due milioni di famiglie italiane in povertà assoluta, per un totale di oltre 5,6 milioni di persone, un numero in significativo aumento rispetto all’anno precedente e ulteriormente aggravato dalla pandemia».

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

«Piccolo passo di Bayer verso obiettivo globale di sostenibilità»

Heiko Petersen, a capo della Divisione Consumer Health di Bayer Italia, ha dichiarato che Bayer ha «sostenuto con molto piacere questa raccolta solidale, donando prodotti per bambini e famiglie in difficoltà. Un piccolo passo di Bayer verso un obiettivo globale di sostenibilità, in particolare uno dei diciassette obiettivi di sviluppo sostenibile fissati dall’Organizzazione delle Nazioni Unite: salute per tutti». Tra gli obiettivi, Bayer sostiene che «assicurare il più vasto accesso possibile alla salute e al benessere quotidiano è, infatti, un’esigenza pienamente in linea con il nostro impegno globale e con la vision: health for all, hunger for none». L’azienda ricorda inoltre che «l’iniziativa si chiuderà proprio in corrispondenza della Giornata mondiale dei diritti delliInfanzia, per sottolineare l’impegno nella ricerca in particolare di farmaci da banco e prodotti a uso pediatrico grazie a un’azione di responsabilità sociale di tutti i partecipanti».

Bayer prosegue l’impegno in Italia

Prosegue dunque l’impegno della divisione Consumer Health di Bayer in Italia e la vicinanza al mondo delle farmacie e alla società civile. Lo scorso giugno la stessa azienda aveva lanciato una «scuola online promossa dal brand Bayer Gyno-Canesten Inthima Cosmetic Lenitivo e rivolta alle nuove generazioni di donne, per parlare di educazione intima in modo schietto ma corretto, senza peli sulla lingua». Il palcoscenico, dunque, è l’immensa platea dei social con il coinvolgimento di esperti in materia: «insegnanti autorevoli si alternano in cattedra tenendo delle vere e proprie video lezioni tramite IG-TV dalla salute intima all‘anatomia, dalla psicologia alla storia, passando per l’educazione fisica».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.