L’assemblea ordinaria degli Azionisti di Banca Ifis, riunitasi giovedì 28 aprile 2022 in unica convocazione sotto la presidenza di Sebastien Egon Fürstenberg, ha approvato il bilancio d’esercizio 2021. All’approvazione è seguita «la distribuzione agli azionisti di un dividendo di 0,95 euro, pari al doppio della cedola dell’esercizio 2020, al lordo delle eventuali ritenute di legge, per ciascuna azione con stacco cedola (n. 25) il 23 maggio 2022, record date il 24 maggio 2022 e messa in pagamento dal 25 maggio 2022. Il pagamento sarà effettuato per il tramite degli intermediari autorizzati presso i quali sono registrate le azioni nel Sistema Monte Titoli».

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

Incremento del numero di consiglieri

Nella stessa assemblea è stato portato a compimento l’incremento del numero dei consiglieri, passando da 12 a 13, portando al 54% la rappresentanza femminile nel Consiglio di Amministrazione, pari a 7 su 13 membri. L’assemblea ha inoltre deliberato in senso favorevole sulla Sezione II del citato documento relativa all’attuazione delle politiche di remunerazione nel corso dell’esercizio 2021. Al termine dell’assemblea degli azionisti, il neoeletto Consiglio di Amministrazione di Banca Ifis si è riunito e ha attribuito le cariche sociali, confermando Sebastien Egon Fürstenberg Presidente, Ernesto Fürstenberg Fassio Vice Presidente e Frederik Geertman Amministratore Delegato.

Il Gruppo Banca Ifis al 31 dicembre 2021

Secondo quanto si legge nel bilancio 2021 «al 31 dicembre 2021 il Gruppo Banca Ifis è controllato dalla società La Scogliera Spa ed è composto dalla Capogruppo Banca Ifis Spa, dalle società controllate al 100% Ifis Finance Sp. z o.o., Ifis Rental Services S.r.l., Ifis Npl Investing Spa (già Ifis Npl Spa), Cap.Ital.Fin. Spa, Ifis Npl Servicing Spa (già Gemini Spa) e Ifis Real Estate Spa, da Ifis Finance I.F.N. S.A. controllata al 99,99%, dalla società controllata al 70% Credifarma Spa, da Farbanca Spa, acquisita a fine 2020 e controllata al 71,06% e dal veicolo Ifis Npl 2021-1 SPV S.r.l., di cui a fine giugno 2021 è stata acquisita la maggioranza delle quote partecipative».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.