ddl concorrenza«Le vicende e le discussioni degli ultimi giorni ci vedono nuovamente attori insoddisfatti e arrabbiati. Quella di “farmacisti vincitori” delle sedi messe a concorso con la legge Monti avrebbe dovuto essere una figura transitoria. E invece siamo ancora qui a discutere di diritti». A spiegarlo è Giuseppe Augello, referente del “Comitato Nazionale Concorso Farmacie 2012”, che torna a lamentare le difficoltà legate al completamento degli iter nei concorsi di varie regioni italiane. «Noi – spiega – non ci stiamo», perché «a noi viene negato il lavoro». Mentre «la sospensione dei lavori al Senato sul Ddl Concorrenza di fatto ha cancellato l’unica scorciatoia che si intravedeva alla conclusione del concorso straordinario, perché l’approvazione del provvedimento avrebbe potuto comportare l’entrata in vigore di emendamenti utili a sbloccare lo stallo provocato dalle innumerevoli pendenze legali».
«Il dibattito sulla concorrenza – prosegue Augello – ci convince che si tenda a stravolgere le regole del mercato allo scopo di spostare il monopolio del farmaco, oggi in mano ai farmacisti, nelle mani della lobby della grande distribuzione organizzata, dove il farmacista si trasformerà in un lavoratore precario. Non si illudano i gestori delle attuali parafarmacie: la possibilità eventuale di dispensare i medicinali di fascia C non li aiuterà a superare le loro disastrate situazioni, né si allargherà il loro mercato». Quanto alla proposta di far pagare i bollettini postali in farmacia, Augello ritiene che si tratti di un’idea che «non merita commenti. Se questa è la farmacia dei servizi…».
Il coordinatore del Comitato dei vincitori ritiene infine che sia «inqualificabile il congelamento delle attività parlamentari al fine di non creare elementi di dissenso in attesa del referendum costituzionale». E se la prende anche con i tempi della giustizia, «elefantiaci», lanciando un appello affinché ai farmacisti vincitori sia consentito finalmente di aprire le loro farmacie.

[Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica]

© Riproduzione riservata