Il rapporto pubblicato dall’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) con i dati della spesa farmaceutica nazionale e regionale nel periodo gennaio­-dicembre 2018, ha evidenziato, con riferimento a quella convenzionata, ovvero ai farmaci erogati dalle farmacie pubbliche e private dislocate sul territorio, una flessione del ­-4,2% degli importi relativi al fatturato, con un decremento, rispetto all’anno precedente, pari a ­338,8 milioni di euro. Tale trend, in linea con i dati pubblicati mensilmente nel corso del 2018, ha evidenziato un leggero decremento (-0,8%) del numero di ricette spedite, pari a 576 milioni. Cosa è accaduto invece nel primo trimestre del 2019, in tutti gli altri comparti? A fornire un quadro generale sulla condizione di salute della farmacia è New Line, azienda specializzata nella raccolta e nell’elaborazione dei dati di sell-out trasmessi dalle oltre 7.000 farmacie partner. Secondo quanto emerge dall’analisi, l’azienda spiega che «il canale farmacia registra una sostanziale stabilità a fatturato rispetto allo stesso trimestre del 2018, con un trend complessivo del -0,2%, a fronte di un calo del -2,2% nei volumi di vendita». Con riferimento ai principali comparti analizzati, New Line evidenzia che l’etico ha subito un calo del -1,3% del fatturato e un -2,2% dei pezzi erogati, mentre, il commerciale, ovvero Sop, Otc, ed extra-farmaco, ha registrato un incremento dei volumi del 1,5%, ma un decremento del numero di confezioni pari al -2,2%.

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

Dall’analisi del farmaco etico del periodo gennaio-marzo 2019, New Line evidenzia un calo dell’etico di marca, «anche se in recupero rispetto al periodo ottobre-dicembre del 2018 (-2,6% a valore, -2,7% a volume)», specificando che «la dinamica complessiva è stata determinata principalmente dai trend negativi del farmaco di fascia A (-3,4% a fatturato e -2,7% a pezzi), mentre quello di fascia C rimane stabile a fatturato (+0,2%) ma perde a pezzi (-2,7%)». Un focus sui farmaci equivalenti mostra «un forte incremento a fatturato (+5,3%) e un leggero calo a pezzi (-0,7%)». Nello specifico, «il farmaco di fascia A – spiega New Line -, che pesa circa l’85% del farmaco equivalente, ha determinato maggiormente questo risultato grazie ad una crescita a fatturato del +4,0% ed una contrazione a pezzi del -1,1%», inoltre, «il farmaco di Fascia C, seppur in misura minore, ha contribuito alla performance complessiva, grazie ad un trend a fatturato pari al +14,0% e un incremento a pezzi del +3,0%».

Venendo all’analisi del comparto commerciale, questo mostra «trend positivi a fatturato (+1,5%) ma negativi a pezzi (-2,2%)». Mentre, secondo New Line, «il parafarmaco, componente principale del commerciale, evidenzia una buona crescita a valori (+1,8%) e una decrescita a volumi (-1,9%); andamento simile si è registrato per i Sop/Otc, sostanzialmente stabili in termini di fatturato (+0,4%) e in flessione a pezzi (-2,9%)». Da uno zoom sull’extra-farmaco emerge che «nel primo trimestre dell’anno non mostra rilevanti differenze rispetto ai periodi precedenti». Nel complesso, dermocosmesi ed igiene tornano a crescere, «principalmente – spiega l’azienda – grazie alle buone performance registrate dai mercati dei trattamenti viso, del trucco e dell’igiene intima». Il mercato della veterinaria è il primo con segno positivo, «con +7,6% a valore e +2,8% a volume». Segue il mercato degli integratori, «che registra una crescita sia in termini di fatturato (+5,0%) sia di pezzi (+3,2%), i dispositivi per la protezione degli apparati con + 4,7% a valore e +3,4% a volume e, come già accennato, la dermocosmesi e igiene che registra un +2,5% a fatturato ed un +1,2% a pezzi». Ad avere valori stabili o negativi, sono i «sanitari (+0,1% a valori e -8,2% a volumi) e la fitoterapia (-0,2% a valori e -1,4% a volumi)». I settori con la maggiore flessione, conclude New Line, sono gli «alimenti e dietetici», i quali subiscono «un importante calo per entrambi gli indicatori analizzati: -4,1% per il fatturato e -6,3% per i pezzi», ed infine l’omeopatia, «con forti perdite a fatturato (-8,8%) e ancora peggiori perdite a pezzi (-10,5%)».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.