amazon-farmaci-otc«Amazon, evitando di pubblicizzare la novità, ha lanciato una linea esclusiva di farmaci over-the-counter e prodotti per la salute, che potranno sfidare il sistema delle farmacie e, potenzialmente, lanciare una guerra sui prezzi e incidere sui margini di profitto degli operatori attuali». A rivelarlo è l’emittente americana CNBC, che ha spiegato anche i termini tecnici della mossa: la produzione dei farmaci messi in vendita dal colosso dell’e-commerce è effettuata da un fabbricante terzo. Amazon, dunque, non ne detiene la proprietà, né è proprietaria della licenza produttiva; i prodotti inoltre fanno parte della linea “Basic Care”, lanciata nello scorso mese di agosto. «Si tratta – è stato specificato – di una sessantina di specialità, tra i quali figurano anche l’ibuprofene e medicinali per la ricrescita dei capelli». Secondo il punto di vista del quotidiano economico Il Sole 24 Ore, «la concorrenza è senza storia. L’ibuprofene generico di Amazon Basic Care viene venduto a 6,98 dollari. Lo stesso generico a marchio Perrigo costa 8,49 dollari. Da Walmart costa come su Amazon. Nelle farmacie lo stesso medicinale costa dai 14,99 ai 15,49 dollari». È in questo senso che il posizionamento dell’azienda di Jeff Bezos è, secondo la CNBC, potenzialmente in grado di sparigliare le carte nel settore. L’emittente cita in particolare Matthew Oster, della società di ricerca Euromonitor International, secondo il quale «dal momento che Amazon può godere di una posizione di sostanziale monopolio nell’e-commerce, sarà in grado di scalare facilmente il comparto». Che, oggi, negli Usa è rappresentato in larga parte dalle catene di farmacie CVS Health, Walgreens e Rite Aid. Sapendo che una parte consistente di quelle che fanno parte dell’ultimo marchio sono state acquisite di recente dal gruppo che fa capo all’italiano Stefano Pessina. Mentre CVS ha rilevato a dicembre la società di assicurazioni Aetna.
Il Sole 24 Ore spiega in questo senso che gli attuali operatori «cercano di resistere come possono». E ricorda che «l’industria dei farmaci da banco generici negli Stati Uniti lo scorso anno ha fatturato 8,4 miliardi di dollari, con una crescita del 31%. Il business legato ai medicinali con la ricetta è stabile». Nel frattempo, Amazon in Borsa «ha aggiornato i suoi massimi toccando per la prima volta i 1.500 dollari ad azione. Dal primo gennaio il titolo è salito del 28%».

© Riproduzione riservata