Inaugurata a Decimomannu (CA) la nuova “Farmacia Massidda”: uno spazio innovativo con diverse aree legate a prodotti e servizi specifici. La progettazione è firmata dall’azienda Sartoretto Verna.

farma villageUna farmacia del futuro, anzi un vero e proprio “Farma Village” quello aperto a Decimomannu, in provincia di Cagliari, con il supporto dei professionisti di Sartoretto Verna, azienda leader nell’arredo, progettazione e comunicazione in farmacia. Il 5 aprile è stata inaugurata la nuova “Farmacia Massidda”, situata in via Nazionale su uno spazio di 450 metri quadrati: un evento molto atteso dalla comunità che si è subito trasformato in festa. Le titolari Ornella Pelagatti e sua figlia Francesca Scarpa avevano in mente proprio un nuovo spazio dedicato alla loro gente, per cui creare nuove aree per prodotti e servizi. Ecco così che nell’innovativa struttura, dipinta con colori pastello che generano relax e dotata di luci accoglienti, trovano posto scaffali dedicati ad aree specifiche: c’è quello dedicato alla dermocosmesi, con creme e soluzioni per ogni tipo di pelle, quello dedicato allo sport con tutto ciò che lo riguarda, dagli integratori ai tutori e alle fasce elastiche, quello per la celiachia, quello per i bambini o quello dedicato al mondo degli animali, e tanto altro ancora. La passione per il mestiere di farmacista caratterizza questo luogo da generazioni: la nonna di Francesca vinse questa sede con un concorso negli anni Settanta e da quel momento la farmacia Massidda è sempre stata un punto fermo per la cura e il consiglio. La voglia di cambiamento è nata soprattutto dall’evoluzione in corso che riguarda sia la professione di farmacista sia le abitudini e i bisogni delle persone. «Ora abbiamo nuovi spazi e possiamo fare di più e soprattutto dare di più, il successo verrà come conseguenza del nostro impegno – dichiara la Dottoressa Pelagatti – Dagli anni Settanta questo territorio è cambiato moltissimo.
Paesi come Assemini sono cresciuti come la nostra concorrenza. Inoltre Cagliari sta attraendo sempre di più le persone che decidono di trasferirsi in città. Eravamo quindi ad un bivio: continuiamo come si è sempre fatto o ci mettiamo in gioco? Abbiamo deciso di cambiare, ci siamo trasferiti per migliorare». Lo spazio è diviso in diverse sale: se ne trova una per l’autoanalisi dove ci si può anche misurare la pressione, un’altra con gli articoli ortopedico sanitari, e tutte le aree possono rendersi indipendenti o diventare un unico ambiente per incontri o eventi. Una farmacia calda e accogliente, fatta “per la gente”, con uno staff che lavora meglio, in sintonia e in modo più funzionale: quella che viene definita “Una farmacia sarda del terzo millennio”.

© Riproduzione riservata