Dopo il primo appello lanciato lo scorso novembre, l’Associazione distributori intermedi (Adf) rimarca la disponibilità nell’avere un ruolo centrale per la gestione logistica dei vaccini anti-covid su tutto il territorio nazionale. «Considerata la capillarità della rete distributiva e la disponibilità di importanti infrastrutture – si legge in una nota siglata da Alessandro Morra, presidente Adf – grazie alle quali, anche nel corso della pandemia, la distribuzione intermedia ha continuato e continua a garantire la puntuale e sicura fornitura di farmaci e prodotti sanitari ai cittadini, non appare funzionale affidare la consegna dei vaccini anti-Covid ad altri operatori estranei alla filiera del farmaco».

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

Strutture e risorse collaudate

«Potendo confidare su strutture e risorse collaudate e sul necessario know-how – fa sapere Morra -, già a novembre scorso ci siamo dichiarati pronti a fare la nostra parte, al fianco delle Istituzioni e delle farmacie per assicurare modalità efficienti, sicure e tempestive nella distribuzione dei vaccini anti-Covid. Oggi, a nome di tutte le aziende associate, ribadisco ancora una volta la disponibilità immediata della Distribuzione intermedia del farmaco a distribuire i i vaccini anti-Covid, garantendo ai massimi livelli sicurezza, tempestività e capillarità di stoccaggio e distribuzione».

Servizio pubblico essenziale dei distributori intermedi

Quanto all’aspetto distributivo, Adf precisa che «i distributori intermedi forniscono un servizio pubblico essenziale» e per questo motivo «devono essere provvisti di apposita autorizzazione all’esercizio dell’attività e sono soggetti a stringenti vincoli normativi atti a garantire la qualità e l’integrità del medicinale. Implementazioni che richiedono investimenti ingenti di risorse». Inoltre «le criticità innescate dalla pandemia hanno mostrato la resilienza e la professionalità della categoria che, in collaborazione con le farmacie e le Istituzioni nazionali e regionali, svolge l’imprescindibile funzione, all’interno del sistema sanitario nazionale, di raccordo tra produzione e dispensazione finale del farmaco e che contribuisce sempre più sostanzialmente a servizi di salute pubblica». Da qui, l’invito di Morra per un dialogo con le istituzioni: «Adf ritiene sia giunto il momento di aprire un confronto istituzionale, anche nella prospettiva di scenari futuri, sul valore e la funzione della distribuzione intermedia quale risorsa strategica del sistema Paese a supporto di governo e cittadini».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.