Anche le farmacie territoriali in Molise avranno la possibilità di somministrare vaccini anti Sars-Cov-2 alla popolazione. È il frutto del protocollo d’intesa stipulato tra Regione Molise, Federfarma e Assofarm la cui presa d’atto è avvenuta martedì 13 luglio 2021. «La somministrazione dei vaccini in farmacia – si legge nel documento – avverrà, da parte dei farmacisti abilitati all’esecuzione delle somministrazioni vaccinali contro il Sars-CoV-2, sulla base degli specifici programmi e moduli formativi organizzati dall’Istituto Superiore di Sanità, a norma dell’art. 1, comma 465, della L. 178/2020». Tale facoltà è resa possibile a circa 50 delle cento farmacie dislocate sul territorio regionale che hanno manifestato sin da subito la loro disponibilità, ciò dopo la verifica – da parte degli enti territoriali preposti – dei requisiti minimi strutturali necessari per avviare l’inoculazione.

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

La remunerazione della prestazione

Quanto alla remunerazione, nel protocollo si legge come «venga riconosciuta alle farmacie una remunerazione pari ad euro 6,00 (sei/00) per l’atto professionale del singolo inoculo vaccinale. È demandato ad appositi accordi con le Regioni e le Province autonome il riconoscimento, a favore delle farmacie, di eventuali ulteriori oneri relativi alle funzioni organizzative, al rimborso dei dispositivi di protezione individuale e dei materiali di consumo e eventuali incentivi per il raggiungimento dei target vaccinali stabiliti dalle stesse amministrazioni territoriali».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.