Utile aziendale, valutazione della performance e presenza sono gli elementi su cui Unifarco, società per azioni fondata e formata da farmacisti, ha basato il riconoscimento del premio di partecipazione di 2.200 euro riconosciuto ai dipendenti. A farlo sapere è la stessa azienda del bellunese produttrice di cosmetici, nutraceutici, dermatologici e di make-up, la quale ha reso noto che «il risultato raggiunto – si legge in una nota – ha comportato un riconoscimento tangibile ai propri dipendenti con il premio di partecipazione più alto della sua storia, grazie a un contratto integrativo che ricompensa fortemente i collaboratori in caso di ottime performance aziendali e individuali. Una cifra che viaggia intorno ai 2.200 euro, di un terzo superiore a quella media del settore chimico-farmaceutico. Si è infatti passati da poco oltre 1.500 euro nel 2018 a circa 1.800 euro nel 2019 per crescere ancora nel 2020».

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

Gli elementi grazie a cui è stato riconosciuto il premio

Secondo quanto evidenziato da Unifarco, si tratta di «un riconoscimento che è la sommatoria ponderata di tre parametri: l’utile aziendale, la valutazione della performance e la presenza. L’utile aziendale ha inciso per 1.500 euro. Il resto è connesso ai comportamenti virtuosi di ogni soggetto: la parte legata alla valutazione viene infatti calcolata attraverso un moltiplicatore correlato a una scala che va da 1 (minimo) a 5 (massimo) e tiene conto dell’efficacia tecnico professionale, dell’efficienza, delle relazioni con superiori e colleghi, della propositività e risoluzione di problemi, dell’assunzione di responsabilità verso l’organizzazione». Tale iniziativa segue le altre intraprese nel corso degli ultimi mesi: «dal contributo per l’acquisto di un personal computer per consentire di seguire l’attività scolastica a distanza, all’organizzazione di un centro estivo dedicato ai figli dei dipendenti ma anche la regolamentazione dello smart working per i dipendenti tramite accordo aziendale».

Rampino: «Coinvolgimento e partecipazione fattori critici di successo»

«Il 2020 ha richiesto alle persone e alle organizzazioni una grande prova di coesione – ha evidenziato Luigi Rampino, HR Director di Unifarco – e proprio per questo siamo ancora più orgogliosi di aver raggiunto ottimi risultati e di condividere i frutti del lavoro di quest’anno con tutti i colleghi dell’azienda. Per noi di Unifarco è fondamentale che tutte le nostre persone concorrano attivamente, a seconda delle proprie mansioni, alla crescita e al successo dell’azienda. Il coinvolgimento e la partecipazione sono ormai considerati fattori critici di successo, da costruire anche attraverso il confronto con le organizzazioni sindacali. Non a caso nel nostro settore, tra i più avanzati in ambito industriale, parliamo di premio di partecipazione».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.