Il gruppo Walgreens Boots Alliance ha lanciato un programma di formazione rivolto ai farmacisti che lavorano presso i propri punti vendita negli Stati Uniti. L’obiettivo dei corsi è di aiutare i professionisti al banco ad identificare i segnali di problemi mentali nei pazienti, al fine di aiutarli a fronteggiare eventuali crisi. A darne notizia è il portale Modern Healthcare, che precisa: «L’iniziativa è stata avviata in collaborazione con l’American Pharmacists Association e il National Council of Behavioral Health. Si punta così a creare una versione online del Mental Health First Aid program, che è stato sviluppato nel 2001 in Australia». A sovrintendere sul progetto, negli Usa, saranno i Dipartimenti di Salute e di Igiene Mentale del Maryland e del Missouri.

«Tenendo conto della crescente necessità di servizi e risorse per aiutare le persone che presentano problemi di salute mentale, nonché legati all’uso di sostanze stupefacenti, riteniamo di poter giocare un ruolo particolarmente importante fornendo ai nostri farmacisti e ad alcuni membri dei nostri team una formazione ad hoc», ha spiegato Alex Gourlay, dirigente di Walgreens. In termini concreti, il programma prevede un training di quattro ore, attraverso un corso online interattivo, che consentirà ai partecipanti di saper cogliere i segnali manifestati dai pazienti e intervenire con un primo sostegno nei loro confronti. In particolare, per 300 farmacisti è prevista un’ulteriore formazione di otto ore. Non si tratterà in ogni caso di una sostituzione o di una sovrapposizione con il lavoro dei medici specialisti, ha specificato Betsy Schwartz, dirigente del National Council of Behavioral Health: «L’intento è di consentire ai farmacisti di sapere in che modo condurre una conversazione fruttuosa con i pazienti». Aggiungendo che si tratta della prima partnership con una grande catena di farmacie e auspicando che anche altre possano muoversi nella stessa direzione. Modern Healthcare precisa infine che negli Stati Uniti si stima che 43 milioni di adulti americani abbiano sperimentato disturbi mentali, ma he soltanto il 41% di loro abbia fatto ricorso ai servizi sanitari.

Alla metà del mese di maggio, il gruppo ha annunciato una serie di accordi con istituti europei e americani, volti a migliorare la vita dei pazienti oncologici. Inoltre, il 16 aprile 2019, come riferito ai propri lettori da FarmaciaVirtuale.it, Walgreens Boots Alliance ha presentato ufficialmente le proprie attività in Italia. All’evento, svolto presso la Borsa Italiana, ha partecipato l’intero consiglio di amministrazione.

© Riproduzione riservata