L’assemblea di Safar Abruzzo Spa ha approvato martedì 15 giugno 2021 il bilancio 2020. Secondo la controllata di Farvima Spa, «il risultato di bilancio del 2020 è stato incoraggiante con un fatturato complessivo di oltre 90 milioni contro i 77 del bilancio 2019». Tali risultati si aggiungono «a un utile lordo pari a 613 mila euro contro una perdita di oltre 3 milioni relativa all’anno 2019». Il trend in aumento è stato reso possibile agli «investimenti industriali hanno permesso di ampliare la gamma dell’assortimento, che oggi conta più di 80mila referenze, con una percentuale di automazione che supera il 70%, garantendo efficienza e velocità del servizio». Safar Abruzzo ha fatto sapere inoltre del rinnovo del nuovo consiglio direttivo, nominando Claudio Ferroni Presidente, Mirko De Falco e Renato De Falco amministratori delegati. I consiglieri nominati sono Enrico Bruno, Alessandro Bruschi, Gaetano Cardiel, Maria Teresa Ciccone, Salvatore D’Ambra, Tiziana Maiello, Alfredo Orlandi, Federico Pasquali, Francesco Ferro Russo, Manuel Scognamiglio, Daniela Sulpizio, Giancarlo Visini.

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

Razionalizzazione dei costi e investimenti

Mirko De Falco commenta favorevolmente l’approvazione del bilancio. Secondo il dirigente «si chiude un primo ciclo, duro e impegnativo, cominciato il 4 gennaio 2019 con la costituzione di Safar Spa, proseguito con fitto d’azienda fino al 7 dicembre 2020, data in cui è avvenuta la definitiva acquisizione dell’azienda Safar Cooperativa». Per De Falco «abbiamo ereditato una macchina potente e con grande potenziale ma piuttosto sbilanciata sotto il profilo dei costi fissi. Per questo il nostro percorso ha seguito due direttici: abbiamo cercato di razionalizzare i costi da una parte e investito in progetti di revamping degli impianti per ottimizzare la produzione dall’altra».

«Società di farmacisti che investe nel futuro della farmacia»

Claudio Ferroni, appena eletto alla presidenza, evidenzia che «Safar deve essere scelta perché è una società di farmacisti che investe nel futuro della farmacia. La società persegue infatti un duplice obiettivo: rafforzare il ruolo della farmacia all’interno del Ssn da una parte e ottimizzare i modelli di gestione avanzata sviluppati in modo mirato con i nostri partner dall’altra. Credo – aggiunge Ferroni – fermamente che solo attraverso la collaborazione reciproca con i nostri fornitori di prodotti e servizi si potranno implementare modelli di distribuzione sostenibile in grado di portare valore a tutti gli attori della filiera». Dello stesso avviso Giancarlo Visini, presidente di Federfarma Abruzzo, secondo cui «consolidare e ampliare il ruolo della farmacia all’interno del sistema sanitario nazionale è l’obiettivo fondamentale dell’azione del sindacato dei titolari di farmacia e si sposa perfettamente con la mission della Safar che agisce in questa direzione per tutelare e rafforzare la farmacia nel suo complesso».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.