Si è svolto lunedì 21 gennaio a Roma, nella sede della Federazione degli ordini dei farmacisti italiani, un primo incontro con rappresentanti dei farmacisti collaboratori e dei titolari delle farmacie di comunità. Alla giornata erano presenti Silvera Ballerini, presidente Conasfa, Marco Gambadoro, segretario Sinasfa, Benedetta Mariani, presidente Fiafant, Luisanna Pellecchia, presidente Assofant e, per Federfarma, Giuseppe Palagi. La Fofi era rappresentata dal presidente Andrea Mandelli, dal vicepresidente Luigi d’Ambrosio Lettieri e dal segretario Maurizio Pace. Tra gli argomenti al centro della discussione la formazione continua, il contratto nazionale di lavoro e i temi previdenziali. In questa prima riunione, sulla base del positivo andamento dei lavori, si è deciso di proseguire il confronto.

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

A distanza di poche ore, nella sede della stessa Fofi, un ulteriore incontro ha coinvolto altre sigle in rappresentanza di parte dei farmacisti titolari di parafarmacia. A darne notizia è stata la stessa Federfarma, diramando una nota di merito per tale iniziativa. Per l’occasione, Marco Cossolo, presidente di Federfarma, ha sottolineato che «Federfarma apprezza il lavoro svolto al Tavolo costituito a cura dalla Fofi con sigle delle parafarmacie – Farmacisti Titolari di Parafarmacia Indipendenti e Unione Nazionale Farmacisti Titolari di Sola Parafarmacia – finalizzato a risolvere in maniera sinergica alcune criticità del settore farmaceutico». Cossolo sottolinea che «i lavori si sono svolti in maniera proficua e serena e tutti i partecipanti hanno contribuito fattivamente alla ricerca di soluzioni che siano utili allo sviluppo armonico dell’intero settore, in tutte le sue componenti, anche nell’interesse della popolazione». In tal senso, prosegue Cossolo, «la interlocuzione tra i partecipanti al Tavolo è stata facilitata dal fatto di parlare tutti lo stesso linguaggio, di avere uguale professionalità e la stessa conoscenza dei problemi in quanto tali Associazioni rappresentano esclusivamente colleghi farmacisti, titolari di parafarmacia». Da qui, l’appello a proseguire in tale direzione: «Noi auspichiamo che il Tavolo prosegua perché solo attraverso la condivisione si riescono a risolvere i problemi sul tappeto in maniera soddisfacente per le parti e apprezziamo l’attività svolta dalla FOFI nell’intento di trovare strade percorribili insieme e soluzioni comuni».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.