A partire dal 15 gennaio 2020, i medicinali contenenti paracetamolo e alcuni tipi di antinfiammatori non steroidei (ibuprofene e aspirina) dovranno essere posti dietro al banco nelle farmacie francesi. Ad annunciarlo è l’Agenzia nazionale per la sicurezza dei farmaci e dei prodotti per la salute (ANSM) di Parigi, che precisa in un comunicato: «Questa misura è volta a favorire un buon uso di tali medicinali di uso corrente. Essi rimarranno in ogni caso disponibili senza ricetta». «Il paracetamolo e i FANS – prosegue l’organismo di controllo francese – rappresentano i medicinali più utilizzati in regime di automedicazione, come antalgici e antipiretici, sia negli adulti che nei bambini. Attualmente, alcune di tali specialità possono essere poste in libero accesso nelle farmacie. Si tratta, tuttavia, di medicinali sicuri ed efficaci nel momento in cui vengono utilizzati correttamente. Al contrario, presentano dei rischi in caso di uso inadeguato». Di qui la scelta di rendere in qualche modo obbligatorio un rapporto ancor più stringente con il farmacista, «rafforzando così il ruolo di consulente del professionista dietro al banco».

[Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica]

L’ANSM ha quindi precisato che «la misura è stata concepita in continuità con altre azioni condotte al fine di rendere più sicuro l’utilizzo dei medicinali. Con particolare riferimento all’introduzione, prevista per i prossimi mesi, di un messaggio diretto ai pazienti e stampato sulle confezioni dei medicinali che contengono paracetamolo. Ciò con l’intento di rendere la popolazione cosciente dei rischi che si possono correre, soprattutto per il fegato, in caso di assunzione di dosi troppo elevate». Il comunicato dell’Agenzia Nazionale per la sicurezza dei farmaci e dei prodotti per la salute si chiude quindi con una serie di raccomandazioni rivolte alla popolazione. Come, ad esempio, la necessità di verificare la presenza di paracetamolo anche in altri medicinali che possono essere assunti in contemporanea per trattare dolori, febbre, allergie, sintomi da raffreddamento e da stato influenzale».

© Riproduzione riservata