«La Giunta Regionale del Friuli-Venezia Giulia ha approvato la delibera che prevede la somministrazione dei vaccini Covid-19 e antinfluenzale per la stagione 2022-2023 direttamente in farmacia. La delibera è frutto di un accordo tra Regione, Federfarma Friuli-Venezia Giulia e associazioni rappresentanti le farmacie del territorio e dà la possibilità di vaccinarsi comodamente nella farmacia vicino casa sia a soggetti ai quali la vaccinazione è offerta gratuitamente per la vaccinazione antinfluenzale, quindi over 60 e adulti oltre i 18 anni affetti da patologie a rischio di complicanze, sia a chi vuole volontariamente ricevere la vaccinazione». È quanto ha fatto sapere Federfarma Friuli-Venezia Giulia, la quale ha reso noto che «le somministrazioni inizieranno nelle farmacie che, dopo una breve sperimentazione, si offriranno per assicurare questo nuovo servizio».

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

Degrassi: «Grande spirito di servizio»

Luca Degrassi, presidente Federfarma Friuli-Venezia Giulia, ha sottolineato che «ormai siamo pronti a partire, come sempre con grande spirito di servizio: come farmacisti saremo parte attiva nel sensibilizzare i cittadini sull’importanza della vaccinazione, e la possibilità di farla nella farmacia vicino casa sicuramente sarà un elemento positivo. Le farmacie hanno acquisito un ruolo nuovo che si è dimostrato essenziale durante l’emergenza sanitaria, in particolare hanno avuto un compito strategico nel tracciamento e monitoraggio della pandemia, e partecipano ora con grande impegno alla realizzazione delle campagne di vaccinazione, inizialmente con le prenotazioni Cup e da oggi anche con le somministrazioni dei vaccini in farmacia».

Prospettive per il futuro

Secondo Degrassi «il DM 77/2022 – decreto per la riforma e lo sviluppo dell’assistenza sanitaria sul territorio – affida alle farmacie un ruolo ben definito, in particolare per quanto riguarda le nuove attività di monitoraggio, supporto all’aderenza terapeutica e di sviluppo della telemedicina, pertanto ci attendiamo ora la messa a punto di nuove attività da parte della Regione e delle Aziende Sanitarie, per realizzare un vero progetto multidisciplinare, che sviluppi le sinergie necessarie». Per il dirigente «la nostra Regione ha bisogno di una medicina territoriale forte, in cui tutti i protagonisti abbiano un ruolo ben definito, per questo sarà necessario un coordinamento efficace e una capacità di gestione adeguata; il primo obiettivo è dare nuovo impulso ai programmi di prevenzione ed educazione per la salute, ai quali la Farmacia ha sempre dato grande importanza».

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.