farmacisti in aiutoA cento farmacie italiane – partner del gruppo Cosmétique Active, divisione canale Farmacia di L’Oréal Italia – è stato proposto di aderire ad un progetto gestito dall’associazione Farmacisti in Aiuto, con l’obiettivo di aiutare le persone più svantaggiate dell’India. Si tratta del “Pronto soccorso farmaceutico”, attivo nella regione meridionale di Kerala, grazie al quale vengono fornite medicine gratuitamente a persone che, altrimenti, non potrebbero permettersele.
In India, infatti, il governo concede la gratuità (o una riduzione di prezzo) ai bambini e alle persone appartenenti alla cosiddetta categoria “BPL” (Below Poverty Line), della quale esistono diversi livelli, a seconda dei quali viene determinata la percentuale di abbattimento delle spese relative all’operazione o alla cura. «Ma – spiega la Onlus – al di là dello scarso sollievo garantito da tale beneficio (una goccia nel mare), le procedure per poter rientrare nei requisiti di idoneità sono lunghissime, complicate ed estenuanti. E spesso un povero si arrende a metà strada».
Inoltre, nella nazione asiatica non esiste la figura del medico di famiglia: chi sta male va all’ospedale, se c’è, e lì gli vengono prescritte le terapie, che possono essere domiciliari o in regime di ricovero. Le medicine sono tutte a pagamento, tranne quelle necessarie per le malattie epidemiche o contagiose. Le cure, inoltre, sono a carico esclusivo della persona per qualsiasi malattia legata all’individuo come il cancro, il diabete o l’insufficienza renale. Se si ha bisogno di un’operazione, poi, il ricovero e l’intervento in sé sono gratuiti, ma successivamente è necessario acquistare le medicine necessarie per il decorso successivo.
Di qui la necessità di un intervento da parte di Farmacisti in Aiuto: «L’apporto che ci verrà fornito dalle farmacie aderenti, in collaborazione con La Roche-Posay – spiega a FarmaciaVirtuale.it Tullio Dariol, presidente dell’associazione – consisterà nel promuovere l’attività della Onlus sul territorio nazionale dal 1 marzo al 30 ottobre 2016. A tale impegno si affiancherà quello dell’azienda, che contribuirà con un sostegno ulteriore di 5 mila euro. Al termine di questi 8 mesi di lavoro, i titolari delle farmacie che avranno contribuito di più saranno quindi invitati a visitare il “Pronto soccorso farmaceutico” sul posto, in India».
L’iniziativa è stata presentata dall’azienda cosmetica e dall’associazione senza scopo di lucro ai farmacisti il 18 febbraio, a Milano, in un evento esclusivo a loro dedicato.

[Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica]

© Riproduzione riservata