Il web si conferma un luogo molto difficile da controllare. Anche quando si tratta di questioni delicate come la vendita di farmaci. La redazione di FarmaciaVirtuale.it, in passato, aveva scoperto che sul celebre portale di e-commerce eBay erano presenti diversi medicinali. Perfino la “Amoxicilline Trihydrate”, rimasta per settimane in vendita, al prezzo di 299 euro per 25 grammi, con purezza dichiarata al 99,99%.

Come noto, il ministero della Salute ha ribadito a più riprese che l’apertura alla vendita online di medicinali non significa che tutti i canali possano essere utilizzati liberamente a tale scopo: «Non è consentito – è stato spiegato – l’utilizzo di siti web intermediari, piattaforme per l’e-commerce (marketplace) ovvero applicazioni mobili per smartphone o tablet, funzionali alla gestione online dei processi di acquisto, in quanto la vendita tramite Internet è ammessa unicamente ai soggetti autorizzati».

Inoltre, Federfarma ha fatto sapere nel dicembre del 2018 di aver raggiunto «un rilevante risultato in merito alle iniziative di contrasto nei confronti di farmacie e parafarmacie che utilizzano la piattaforma eBay per vendere online farmaci senza ricetta in violazione della vigente normativa nazionale in materia».

Eppure, proprio su eBay il nostro giornale ha potuto trovare ancora medicinali in vendita. È il caso ad esempio di un annuncio che propone il “Nimesil 2g x 10 BUSTINE Dolore Sollievo Mal di denti Muscolo Dolore Sollievo Rapido Bambini”. In questo caso il prodotto viene dal Regno Unito, ma chiunque, anche dal nostro Paese, volendo, può acquistarlo: prova ne è il fatto che il testo è in italiano. Il prezzo è fissato a 9,77 sterline inglesi (circa 11,14 euro). Sullo stesso sito si può comprare poi una confezione di “SOFAR SOFARGEN 1% Crema120 gr, antibatterico per ustioni 5 pezzi”, sborsando 60 euro. Stesso discorso vale per un annuncio che pubblicizza “ENANTYUM*10BUST OS GRAT 25MG” al prezzo di 4,85 euro.

È utile ricordare che il divieto di utilizzare siti marketplace per vendere medicinali (di qualsiasi tipo) è in vigore non solo per gli utenti privati, che non possono ovviamente cedere alcun tipo di farmaco in loro possesso, ma anche per le farmacie, che debbono utilizzare soltanto il proprio sito Internet. Ciò previo ottenimento dell’autorizzazione necessaria, che comunque limita la vendita ai soli farmaci Sop e Otc.

© Riproduzione riservata