concorso straordinario toscana«È stato impugnato di fronte al tribunale amministrativo regionale il decreto n. 575, emanato il 19 febbraio 2015 dalla Regione Toscana e relativo al concorso straordinario per le sedi farmaceutiche, che aveva voluto sottrarre ai primi 116 graduati ben 13 delle originarie 131 sedi, semplicemente perché la loro istituzione è stata oggetto di impugnativa dinanzi al giudice amministrativo con ricorsi tuttora pendenti». Ad annunciarlo è l’avvocato Gustavo Bacigalupo, dell’omonimo studio legale, che – citando quanto appreso dal collega Bruno Nicoloso – spiega come l’azione sia stata portata avanti da «almeno uno» dei primi 116 concorrenti, nonché da uno dei Comuni interessati, «che meritoriamente ha voluto far valere una volta tanto sul piano giudiziario, non già una posizione di ente titolare o gestore di farmacie, ma quella istituzionale e assai più nobile di soggetto che si fa carico degli interessi della collettività».
La Regione aveva effettivamente disposto l’esclusione sulla base del fatto che, spiegava il decreto, «alcuni provvedimenti comunali istitutivi di ulteriori sedi farmaceutiche messe a concorso sono oggetto di ricorso ancora pendente davanti al medesimo tribunale amministrativo», e aveva pertanto decretato l’esclusione dal primo interpello delle sedi, con «riserva di metterle nuovamente in assegnazione negli interpelli successivi, qualora dette sedi vengano confermate all’esito dei rispettivi contenziosi». Una decisione che, aggiunge il legale, rappresentava fonte di «preoccupazione, anche in ragione del seguito di cui sicuramente il provvedimento toscano avrebbe potuto godere presso altre Regioni, ormai da tempo infatti abituate ad omologarsi all’amministrazione fiorentina». Per questo, conclude l’avvocato, «avevamo espresso la speranza di veder impugnato il decreto da parte di almeno qualcuno dei concorrenti coinvolti dalla scelta della Regione, al fine di ottenerne la sospensiva, sgombrando così rapidamente il terreno dall’ulteriore grave criticità».
FarmaciaVirtuale.it aveva ospitato un intervento del legale, all’inizio di marzo 2015, che nell’occasione aveva spiegato nel dettaglio i termini della questione.

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.