La Regione Campania ha approvato la graduatoria definitiva dei candidati partecipanti al concorso straordinario Campania, relativa all’assegnazione di 209 sedi farmaceutiche disponibili per il privato esercizio sul territorio regionale. È quanto disposto nel Decreto dirigenziale n. 18 del 24 gennaio 2020 della Giunta regionale campana, pubblicato sul Bollettino ufficiale della Regione Campania n. 6 del 27 gennaio 2020. Tale pubblicazione dovrebbe consentire dunque, a distanza di otto anni dall’indizione del concorso e a circa un anno dalla pubblicazione della graduatoria provvisoria, di veder assegnate le sedi farmaceutiche istituite. Si tratta nel dettaglio di 12 sedi in provincia di Avellino, 8 in provincia di Benevento, 42 a Caserta, 47 a Salerno ed infine 100 sedi farmaceutiche a Napoli e provincia.

[Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica]

«Riprendendo con determinazione un lavoro che era paralizzato – spiega Vincenzo De Luca, presidente della Regione – si aprono altre farmacie in Campania, uno dei punti qualificanti del nostro programma. Sbloccare oltre duecento farmacie vuol dire creare posti di lavoro e dare respiro e futuro a centinaia di giovani laureati. Con nuovi obiettivi e nuovi servizi che le farmacie, con le azioni che abbiamo già messo in campo, offriranno ai cittadini». Nel corso degli anni la vicenda delle tempistiche di svolgimento del concorso aveva a più riprese scaturito l’intervento dei vari rappresentanti di categoria. Tra questi, Maurizio Manna, presidente dell’Ordine dei farmacisti di Benevento, e, ultimo in ordine cronologico, di Davide Giuseppe Gullotta, presidente della Federazione nazionale parafarmacie italiane (Fnpi). Gullotta aveva evidenziato lo scorso settembre che «ad oggi in Campania non è stato effettuato nessun interpello, e nessuna farmacia e’ stata aperte, anzi siamo ancora alla graduatoria provvisoria».

© Riproduzione riservata