concorso straordinario CampaniaDopo anni e anni di attesa, a che punto è il concorso straordinario che dovrà consentire di aprire 209 nuove sedi farmaceutiche sul territorio della Regione Campania? Maurizio Manna, presidente dell’Ordine dei farmacisti di Benevento, ha ripercorso le tappe del bando.

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

«Il concorso – ha spiegato a FarmaciaVirtuale.it – è in pieno svolgimento. Ci sono stati dei ritardi, ma giustificati da due ragioni, che non hanno nulla a che vedere con problemi di natura “geografica”, visto che spesso si punta il dito contro le regioni del Sud Italia. La prima motivazione è legata al fatto che in Campania si è assistito ad un accavallamento tra la procedura del concorso straordinario e quella del concorso ordinario, che tra l’altro sono effettuate con metodologie diversi. A tale questione poi se ne è aggiunta una seconda, ovvero il fatto che a livello regionale c’è stato un cambiamento dal punto di vista politico. La precedente amministrazione, che era guidata da Caldoro, aveva infatti nominato una commissione incaricata di vagliare i titoli dei candidati al concorso. Quando si è passati alla gestione De Luca, però, si è scelto di azzerare la commissione e di nominarne un’altra. I membri della prima hanno però proposto un ricorso alla giustizia amministrativa, che ha dato loro ragione. Di conseguenza, la nomina della nuova commissione è stata annullata e la vecchia è tornata nel pieno dei propri poteri. Ma in questo modo abbiamo perso qualcosa come un paio di anni rispetto alle altre regioni».

A questo punto, però, quanto manca per vedere un termine al faticoso iter? «La conclusione della procedura – prosegue Manna – sta per arrivare. La commissione ha analizzato tutte le domande pervenute ed è ormai pronta a pubblicare la graduatoria per titoli. Immagino che ciò possa avvenire nei prossimi mesi, sicuramente entro la fine dell’anno. Quindi parliamo di qualcosa di imminente. Dopodiché ci sarà un periodo dedicato al controllo sui titoli. Io penso che, tenuto conto di tutto, per il 2019 possiamo attenderci l’avvio degli interpelli».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.