Sale ad oltre 250 il numero di farmacie e parafarmacie aggregate sotto il marchio di LloydsFarmacia, a seguito del perfezionamento dell’operazione di acquisizione di 27 farmacie di proprietà di Pharmacoop – due a Bergamo, tre a Desio (MB), quattordici a Modena, due a Sassuolo e sei a Padova – da parte del gruppo Admenta Italia, holding italiana della società McKesson Europe (ex Celesio AG), colosso con sede a Stuttgart, il cui azionista di maggioranza è McKesson Corporation, con sede a San Francisco, negli Usa. La rete LloydsFarmacia conterà dunque su un totale di oltre 200 farmacie e 20 parafarmacie di proprietà, nonché di circa 30 farmacie affiliate. Attività che funzionano grazie all’apporto di 1.000 dipendenti con un fatturato consolidato di oltre 580 milioni di euro.

A darne notizia è lo stesso gruppo, in un comunicato diramato dal Sole 24 Ore Radiocor. Nello specifico, si legge, «l’accordo siglato è in linea con la strategia del gruppo e il piano di crescita, che ci consente di essere sempre più al servizio dei clienti e del network degli operatori attivo per la Salute, sul territorio», commenta Domenico Laporta, amministratore delegato Gruppo Admenta Italia. A dare il via libera all’operazione, lo scorso maggio, fu l’Autorità garante per la concorrenza e del mercato. Per favorire l’esito favorevole da parte dell’Agcm, le parti avevano previsto «la stipula di un patto di non concorrenza, in virtù del quale i venditori CoopAlleanza e CoopLombardia si impegnano, per un periodo di tre anni, a non svolgere attività in concorrenza con quella esercitata dalle società acquisite nel territorio dei comuni in cui si trovano le farmacie facenti parte del gruppo PharmaCoop». Lo scorso aprile Farmalvarion, società del gruppo Admenta Italia, aveva siglato un accordo integrativo aziendale a beneficio degli oltre 150 lavoratori del sito bolognese».

© Riproduzione riservata